Testimonianze di viaggio in Albania agosto 2007 ARIANNA

La mia Albania.......si'inizio cosi' il mio racconto.Sono Italiana ma il mio cuore appartiene all'Albania,adoro le loro usanze ed il loro comportamento verso noi Italiani......incominciamo, sono partita da Vercelli alle 8 ,arrivo a Bari alle 19.........attesa per l'imbarco prevista circa 4 ore,ed invece siamo partiti alle 3.00 del mattino!!!!!!! i migliori complimenti vanno all'"Adriatica navigazioni" gruppo "Tirrenia"che come al solito non rispetta la puntualita'!!!!!incominciamo a salire sulla nave ed (naturalmente affamati)ci rechiamo subito al self service dove troviamo solo un po' di pasta fredda e penosa.....chiediamo spiegazioni e ci viene risposto che potevamo salire prima,ma secondo voi se la nave a dato il via per salire alle 3.00 come potevamo salire prima?????????volando???un'altro punto forte e'infatti l'equipaggio della nave "Tirrenia"tutti molto incompetenti,maleducati e sopratutto non parlano in Italiano!!!!solo nel loro dialetto allucinante.......provate a capirci qualcosa!!!!decidiamo di andare a prendere il caffe'e dopo aver fatto un giro sulla nave andiamo a dormire.Al risveglio(circa alle 9:00)la nave era ancora in viaggio.......morale siamo arrivati a Durazzo alle 11:00,sbarchiamo e con grande contentezza lascio i Baresi!!!!Siamo arrivati finalmente nella mia Albania,ma il viaggio non era ancora finito,ci voleva ancora circa un'oretta per raggiungere Lezha.Alle 12:15 arriviamo a Lezha ed io comincio a tirare un sospiro di solievo,mi guardo intorno e vedo nuove strutture(condomini,negozi...) e non vedo l'ora di andare a spendere un po' di Lek (soldo Albanese) ma bisogna ancora arrivare in horel.Arrivati all'Hotel Turismo,bellissimo come sempre,con il suo giardino illuminato alla sera dai romantici lampioncini e una meravigliosa fontana.Ad attenderci lui Viktor il guardiano dell'hotel un fenomeno!!!!ci accompagna alla camera portandoci le valigie e poi ci da' il benvenuto in Albania.Metto aposto i vestiti,doccia e subito giu' a mangiare.Dovete sapere che la cucina Albanese e' ottima!!!!Andiamo a cambiare gli euro in Lek e via a comprare:maglie,profumi,smalti......insomma un po' di tutto!!Alla sera ci ritroviamo io ,Alban(il mio fidanzato) e Viktor nel bar dell'hotel a chiaccerare e' li' conosciamo Gjergj il portiere del'hotel,una persona molto educata che ci fara' sorridere con i suoi scherzi per tutta la vacanza........i giorni successivi comincia la maratona al mare.....sole,sole ed ancora sole(ci tengo ad essere abbronzata!!) e poi il mare in Albania e' stupendo.Ma come al solito esagero con il sole e mi sono bruciata e quindi per un paio di giorni abbiamo deciso di fare un giretto al mercato di Tirana,evete presente Milano??e' ancora peggio,code a destra ed a sinistra clacson a tutta birra,e tanta,tanta gente................Aiutooooooooo voglio tornare a Lezha!!!!! nooo siamo andati al mercato ho comprato molte cose carine e siamo ritornati a Lezha alle 14;30,abbiamo mangiato il pilaf (piatto tipico Albanese magnifico)fatto dal nostro cuoco Edi (altra persona che alla sera si aggregava alla cricca)e naturalmente il riposino pomeridiano che non e' mancato per tutta la nostra permanenza in Albania.Tra bruciature dal sole,mare,mangiate,risate,shopping....purtroppo e' arrivato il giorno della partenza............musi lunghi e tristi ,la sera antecedente alla partenza nessuno ride e scherza..... sono tuttti un po' tristi.....per la nostra partenza....ricevo un bellissimo regalo inatteso da Gjercj...












........ma purtroppo le ore stringono e bisogna andare a dormire per il viaggio del giorno successivo.16 Agosto,salutiamo tutti e si parte per il porto di Durazzo ad attenderci per salire sulla nave i Baresiiiiiiiii che bello vorrei suicidarmi.....mi avvicino e mi chiedono il passaporto bianco,io,sicura di aver capito male gli chiedo:il passaporto bianco???e la persona del'equipaggio mi dice comferma:si il passaporto bianco,a quel punto mi sono chiesta cosa volesse intendere per "passaporto bianco"bhe' non ci crederete mai era il biglietto!!!! ma non e' fifita qui',sul biglietto naturalmente c'era scritto il tragitto di andata e di ritorno cioe' Bari-Durazzo sopra e Durazzo-Bari sotto,la medesima persona del'equipaggio mi dice che il biglietto e' sbagliato e che qui' non siamo a Bari,il mio fidanzato allucinato gli risponde che il ritorno era scritto sotto!!!!insomma non sapeva leggere un biglietto,cose da matti!!!!!il viaggio e lungo chissa' quante ne' vedro' prima di domani mattina..........infatti.......subito pronti ad un'altra specie di barzelletta............verso le 23:50 ,io ed il mio fidanzato decidiamo di prendere qualcosa al bar:una coca cola ed un'amaro chiedo del limone ed il barista secondo voi dove voleva metterlo?????nella coca cola????no risposta sbagliata nel'amaro!!!!! il mio fidanzato lo ferma in tempo dicendogli che il limone era per la coca!!!!ma io dico ma come si fa' a pagare un biglietto 750,00 Euro ed avere dei servizi cosi' pessimi ed un personale cosi' scadente!!!!! ma per andare in Albania si sopporta questo ed altro.AAAAAAA dimenticavo vorrei fare un'appello a tutti gli Italiani che criticano l'Albania: punto primo,prima di dare dei giudizi almeno andate nei luoghi!!!!!!Punto secondo io sono anni che vado in Albania ma sono ancora viva.......fortuna??? no!!! e che tutto quello che si dice in Italia non e' assolutamente vero,e' un posto tranquillissimo pieno di brava gente accogliente e con il cuore!!!!! Forse bisognerebbe avere paurare ad andare in giro in un posto come l'italia meridionale!!!! un posto a caso Napoli ,quindi prima di criticare posti che non conoscete guardiamoci un po' l'italia!!!!!!!UN CONSIGLIO A TUTTI, ANDATE IN ALBANIA E NON VI PENTIRETE.CIAO ARIANNA


NAVI TRAGHETTI ITALIA- ALBANIA BRINDISI DURAZZO VALONA BARI ANCONA

NAVI TRAGHETTI ITALIA- ALBANIA BRINDISI DURAZZO VALONA BARI ANCONA


STAR FERRIES
Azzurra Line: (Call Center Tel. 899.700.043)
Da Bari per Durazzo / Durrës (Albania) partenza ore 23.00 arrivo 08.00 giorno dopoDa Durazzo (Albania) per Bari partenza ore 23.00 arrivo 07.00 giorno dopoE' possibile prenotare direttamente online e ricevere il biglietto via e-mail
Adriatica di Navigazione: (Centro prenotazioni Tel. 899.700.043)
Da Bari per Durazzo / Durrës (Albania) partenza ore 23.00 arrivo 07.00 giorno succ. tutti i giorni.Da Durazzo (Albania) per Bari partenza ore 23.00 arrivo 07.00 giorno succ. tutti i giorni.
Adria Ferries: (Traghettionline Tel. 899.700.043)Servizio trisettimanale svolto con la nave traghetto "Riviera del Conero" e "Riviera Adriatica"
Da Ancona per Durazzo (Albania) 3 partenze settimanali tutto l'anno (Mar-Gio-Sab ore 19.00 con arrivo ore 13.00 giorno dopo)Da Durazzo (Albania) ad Ancona 3 partenze settimanali tutto l'anno (Mer-Ven-Dom ore 19.00 con arrivo ore 13.00 giorno dopo)
Venezia Lines: (Call Center - Telefono 899.700.043)Servizio svolto dal Catamarano San Gwann in 3 ore e 30 minuti con trasporto autoTratta operata dal 30 Marzo al 20 Gennaio 2008 - Prezzi a partire da 47 EuroDa Bari (Italia) per Durazzo (Albania)Da Durazzo (Albania) per Bari (Italia)
Di Maio Lines: (Call Center - Telefono 899.92.92.06)Il servizio inizierà a Novembre 2007 con traghetto tradizionaleDa Bari (Italia) per Durazzo (Albania) Da Durazzo (Albania) per Bari (Albania)
Ilion Lines: (Agemar - Telefono 040-363222)Servizio svolto con le navi traghetto "GRECIA" e "VENEZIA"Da Trieste (Italia) per Durazzo (Albania) - 4 partenze settimanali (Mar-Mer-Ven-Sab) ore 13.00 - 24h. viaggioDa Durazzo (Albania) per Trieste (Italia) - 4 partenze settimanali (Mer-Gio-Sab-Dom) ore 18.00 - 24h. viaggioDa Bari (Italia) per Durazzo (Albania) - 4 partenze settimanali - 9 ore di viaggioDa Durazzo (Albania) per Bari (Italia) - 4 partenze settimanali - 9 ore di viaggio
Agoudimos Lines: (Call Center - Telefono 080-5275409)Il servizio è svolto con la moto nave Kapetan Alexandros A.Da Brindisi per Valona (Albania) tutto l'anno escluso la Domenica ore 23.00 arrivo 07.30 giorno dopoDa Valona (Albania) per Brindisi tutto l'anno escluso la Domenica ore 12.00 arrivo 06.00 giorno dopo
Ventouris Ferries: (Call Center - Telefono +30-10-4828001)Servizio svolto con i traghettI "Ionis" e "Athens Express" Da Bari (Italia) a Durazzo (Albania) - 9 ore viaggioDa Durazzo (Albania) - per Bari (Italia) - 9 ore viaggio
Skenderbeg Lines: (Telefono 899.92.92.06)Servizio svolto con il traghetto "EUROPA"Da Brindisi per Valona (Albania) partenza tutti i giorni ore 22.30 arrivo ore 6.00 eccetto la Domenica Da Valona (Albania) per Brindisi partenza tutti i giorni ore 11.30 arrivo ore 16.00 eccetto la DomenicaUFFICI DEL TURISMO ed INFORMAZIONI: Albania: Informazioni da WikipediaAlbania.com: Informazioni turistiche (Inglese)

LA NAZIONALE DI CALCIO ALBANESE






La nazionale di calcio albanese (Federata Shqiptare e Futbollit) è la squadra di calcio nazionale dell'Albania.
La rappresentativa albanese, controllata dalla Federata Shqiptare e Futbollit, non è mai riuscita finora a qualificarsi alla fase finale né di un Mondiale, né di un Europeo.
Sito internet della nazionale albanese..

ERJON BOGDANI GIOCATORE DEL LIVORNO








Erjon Bogdani (Tirana, 14 aprile 1977) è un calciatore albanese, attaccane del Livorno e della nazional albanese.








Ha iniziato a giocare in patria nel Partizani Tirana. Dopo aver tentato di affermarsi nel campionato croato è stato acquistato dalla Reggina, in Serie A, nel 1999.
Ha trascorso due stagioni in prestito alla Salernitana e al Verona. In quest'ultima squadra è stato il cannonniere più prolifico nel 2004-2005, finendo al quarto posto della classifica dei cannonieri della Serie B. Nell'estate successiva è stato acquistato dal Siena, con cui ha realizzato 11 gol in Serie A nel corso di una stagione e mezza. È stato acquistato dal Chievo a Gennaio 2007. Nell'estate 2007, proprio all'ultimo giorno di mercato, viene ceduto in prestito dal Chievo al Livorno con la speranza dei tifosi amaranto di far dimenticare l'ex bomber, passato allo Shakhtar Donetsk, Cristiano Lucarelli.
In Serie B conta 107 presenze e 32 gol. In Serie A, al 25 febbraio 2007, 89 presenze e 20 reti.







Il club che ha lanciato erion bogdanie il sienna dove ha giocato per diversi anni


Igli Tare il giocatore della Lazio


Inizia la sua carriera professionistica nel 1996 con il Karlsruhe in Germania dove rimane fino al 1997 per poi scendere di categoria in serie B tedesca con i colori del Fortuna Dusseldorf
Nel 1999 passa al Kaiserslautern e vi resta per un anno. Dal 2000 al 2005 gioca in Italia prima col Brescia, poi al Bologna e infine alla Lazio dove milita tutt'ora.


Erjon Tola lo slalomista albanese






Lo slalomista albanese ha permesso al suo paese di partecipareper la prima volta ai Giochi invernali. "Devo molto all'Italia" La favola del giovane Erjon Tolatra i paletti della vita e della pista dal nostro inviato CRISTINA NADOTTI

Erjon Tola




SESTRIERE - Con la legge attuale sull'immigrazione Erjon Tola non avrebbe mai avverato il suo sogno, non avrebbe mai potuto partecipare alle Olimpiadi. La sua storia, almeno fino a un certo punto della sua vita, è uguale a quella di tanti bambini arrivati in Italia dall'Albania al seguito del padre, in cerca di lavoro. Poi qualcosa cambia, grazie a due genitori pronti a fare sacrifici e una piccola comunità, quella di Breuil Cervinia, che accoglie la famiglia Tola senza pregiudizi. Erjon Tola è l'atleta che ha permesso all'Albania di partecipare per la prima volta ai Giochi invernali. Per il paese in cui è nato, e che ha lasciato a sei anni, è sceso in pista nel Super G e nello slalom gigante, ora si prepara a disputare la gara finale dello sci alpino, quella di sabato di slalom. "Sto facendo le Olimpiadi con i miei tempi - dice Erjon - so di non essere un campione, so che dai primi mi separa un divario tecnico enorme, ma ho 20 anni e posso migliorare, intanto mi godo quest'esperienza bellissima". Tola ha concluso entrambe le gare alle quali ha partecipato, ma nel Super G è arrivato ultimo (56 atleti hanno finito la gara) a 13"62 dal vincitore, il norvegese Aamodt; nello slalom gigante, una gara durissima dove non hanno finito in 38, lui ha stretto i denti ed è arrivato fino in fondo, 35esimo su 41, a 27"89 dal vincitore, l'austriaco Raich. E in entrambe le gare, all'arrivo, ha esultato e sorriso. "Ho iniziato a sciare a sei anni - racconta Tola - perché quando mio padre ci ha chiamato dall'Albania e siamo arrivati a Cervinia mi sono subito adeguato alla vita del posto, e lì non hai molto altro da fare, vai a scuola e metti gli sci ai piedi". Era il 1993, il padre di Erjon era arrivato a Cervinia da due anni. Doveva essere una tappa di passaggio, sulle rotte dell'immigrazione, uno stop prima di arrivare in Germania. "Mio padre si era fermato da alcuni connazionali, con l'idea di proseguire verso Nord appena possibile - spiega Erjon - ma siccome gli sono sempre piaciute le montagne e le Alpi sono bellissime, ha trovato un posto di custode e si è fermato". Anche in Albania ci sono le montagne, ma non ci sono gli impianti: "Se uno vuole fare una discesa deve mettersi gli sci in spalla e andare su a piedi", dice Tola. Erjon a Cervinia ha trovato uno sci club che lo ha accolto, ha fatto le gare giovanili e ha partecipato agli italiani assoluti. "Senza grandi risultati - ammette - ma avevo intorno ragazzi che stavano in pista da quando avevano due anni". E poi c'è il problema economico, di procurarsi materiali e sovvenzionare le trasferte: "Lo sci è uno sport costoso, mio padre e mia madre hanno fatto grandi sacrifici per assecondare la mia passione, io devo tutto a loro". Anche l'occasione di gareggiare per l'Albania. E' stato infatti il padre di Erjon a cercare contatti, informarsi sulla situazione in patria e a scoprire che esiste una federazione di sci, senza atleti. Il primo è Erjon Tola e con l'affiliazione alla federazione albanese arrivano sponsor e materiali, e la notorietà. "Prima delle Olimpiadi il governo ha organizzato un gran galà a Tirana per festeggiarmi, perché è la prima volta che l'Albania partecipa ai giochi invernali. C'era la televisione, tutti i giornali, mi sono scoperto famoso d'improvviso", racconta ridendo Erjon. Una grande soddisfazione, comunque, perché anche se all'Italia riconosce di avergli regalato "un'infanzia bellissima, in un paese che mi ha accolto benissimo", Erjon si sente "tutto albanese". "L'Italia mi ha dato quello che nel paese in cui sono nato non avrei mai potuto avere e il fatto di poter esordire in un'Olimpiade a Torino è una sensazione meravigliosa. Però io sono albanese". (23 febbraio 2006

Ambasciata albanese a roma e i consolati albanesi in italia



AMBASCIATA ALBANESE A ROMA 
Via Asmara nr.5 - 00199 - Roma 
tel: 00 39 06/8622411    
Fax: 00 39 06/86224120 
e-mail: info@ambalbania.it 
http://www.ambalbania.it/




Miglior sindaco del mondo 2004



Il miglior sindaco del mondo 2004 Edi Rama sindaco di Tirana


Primo cittadino di Tirana, ha stracciato tutti gli avversari delle citta' piu' grandi e famose. Questa la sua ricettadi FRANCESCA FOLDA
Quando è stato eletto sindaco di Tirana per la prima volta, nel 2000, Edi Rama, pittore e scultore allora trentaseienne, era un perfetto sconosciuto del panorama politico mondiale, per quanto da due anni fosse ministro della Cultura nel governo albanese. Oggi è il World mayor 2004, il primo cittadino più amato al mondo, eletto nella

competizione online che ha coinvolto 35 mila persone (il 41 per cento dei votanti in Europa, il 35 per cento in Nord America, il 14 per cento in Asia, il resto da America Latina, Africae Australia). «Sono molto felice di questa vittoria» dice Edi Rama a Panorama «perché posso finalmente portare sulla ribalta internazionale una bella notizia dall'Albania. Ancora tanti, in Italia e altrove, pensano che questo paese in piena rinascita sia capace di produrre solo cronaca nera ».
Edi Rama ha supeirato in preferenze il sindaco di Città del Messico Andrés Manuel Lopez Obrador e quello di Roma, Walter Veltroni, grazie anche a una politica dei pennelli tanto rivoluzionaria quanto efficace: ha dipinto di mille colori i grigi edifici di epoca comunista, ha hatto ristrutturare i palazzi delle istituzioni, demolito case abusive, creato ettari di aree verdi.
Qualcuno lo accusa di aver puntato soprattutto alla cosmesi della città, l'opposizione lo ha messo sotto inchiesta per corruzione, ma Rama gode del favore dei concittadini che nell'ottobre 2003 lo hanno rieletto con il 61 per cento dei voti (e a Tirana vive più di un terzo della popolazione albanese). Anche il quotidiano inglese The Guardian gli ha dedicato un lungo articolo dal titolo «L'uomo della rigenerazione ».
Tra gli imprevedibili estimatori del sindaco c'è Giulio Repetti, in arte Mogol, celebre autore di canzoni: «Ero stato in Albania sei anni fa e mi aveva col~pito l'assenza di traffico e di colori.Quando sono tomato, meno di un anino fa, tutto era cambiato: la città sembrava una gigantesca mostra di quadri. La notte sfavillava di luci e i giovani passavano da un locale all'altro. Ho avuto la sensazione che fosse tornata prorompente la vita». Un entusiasmo per la capitale e la sua gente che lo ha portato a proporre alla Farnesina un progetto per rilanciare con borse di studio e concerti la canzone popolare albanese.
Il sindaco-artista ha plani concreti anche dal punto di vista urbanistico: «Stiamo seguendo cinque concorsi internazionali con finanziamenti pubblici e privati per avviare il grande progetto Tirana capitale europea, curato dall'Architecture studio di Parigi» spiega Rama, che annuncia: « Con l'aiuto del govemo e della cooperazione italiana ne saranno finanziati due: quello per il ripristino di piazza Skanderbeg (la più grande e centrale della capitale, ndr) e quello per i ponti dei libri sul fiume Lana, dove i cittadini saranno costretti a camminare tra i volumi e dove, spero, ci sarà anche un ponte della cultura letteraria italiana che tanto ha influenzato la nostra gente ». .


L'articolo e' pubblicato su "Panorama" Anr.52 del 23/12/2004, fq.113

Non perderti le nostre curiosità

Inserisci la tua email:

Un prodotto di Google

Commenti recenti