Alluvione Genova 2011, aperto conto corrente per aiutare il padre di Gioia e Janissa


Flamur Djala ha perso tutto nell'alluvione del 4 novembre 2011 a Genova. Ha perso prima di tutto gli affetti più cari, la moglie Shpresa e le due figlie Janissa e Gioia, di uno e otto anni. HA perso  il magazzino con tutti gli attrezzi dell'impresa edile che aveva aperto con i due fratelli.
Ma Flamur non vuole lasciare Genova, anzi vuole ricominciare la sua vita proprio dalla città che lo ha accolto e che aveva scelto per la sua famiglia. Per questo i suoi amici e parenti hanno fondato un'associazione, chiamandola con il nome della figlia più grande, Gioia, e aperto un conto corrente per raccogliere fondi per quel che resta della sua famiglia.
Gli amici lanciano un appello: "Aiutate Flamur per permettergli di ricominciare a lavorare".
Il conto corrente dove fare la donazione è: IT84U020080140100010756575.



L'elmo e la spada sono originali e usati da Scanderbeg nel 1400 torneranno all'Albania


Per il 100 ° anniversario dell'Indipendenza d'Albania ,, il governo albanese  vuole portare in Albania le armi autentiche usate nel 1460 dal nostro eroe nazionale Scanderbeg che attualmente si trovano esposte nel museo a Vienna (Austria) .Si tratta delle armi usate da Scanderebegh nel 1400 per combattere le battaglie a difesa dell'Europa e della cristianità SI tratta dell'Elmo e della Spada. Da anni sono finite nel museo di Vienna e l'Albania li rivuole indietro.
Infatti il ministro degli esteri albanesi , ha sottolineato prima di tutto i grande rapporto bilaterale tra l'Austria e l'Albania e il grande suppporto dell'Austria avuto in politica estera e nell 'economia albanese. Inoltre - il ministro degli esteri Haxhinasto - ha detto che, in occasione del 100 ° anniversario di indipendenza potrebbe tornare in Albania la spada e l'elmo di Skanderbeg.

 Armi usate da Museo Nazionale del nostro eroe si trovano a Vienna, Austria.


Più letti ultimi 7 giorni

Commenti recenti

Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria.Si distruggono i loro libri, la loro cultura, la loro storia. E qualcun altro scrive loro altri libri, li fornisce di un'altra cultura, inventa per loro un'altra storia. Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che e' stato. E il mondo attorno a lui lo dimentica ancora piu' in fretta. L'Albania ha la storia più antica d'Europa , una storia distorta dagli invasori e che faticosamente sta cercando di ricostruire.