Distrutta falsa chiesa ortodossa in Albania , era il nido dei criminali serbi e greci

Nella città di Permet alcuni preti ortodossi , dopo le lamentele dei cittadini , avevano avuto l'avviso di abbandonare un edificio culturale trasformato in chiesa perche li si nasconderebbero criminali serbi e paramilitari Greci e che i soldi che finanziavano quelle fondazioni provenivano dalla Russia , dalla Serbia e dalla Grecia.
Sono stati proprio i cittadini di Permet , tra i quali anche molti ortodossi albanesi ,  cristiani, bektashi e atei - a contrapporsi alla costruzione della chiesa greca nella loro città.
Miniatura

Il partito neonazista greco , Alba Dorata , dove al suo comando ci sono due cittadini albanesi , emigrati in Grecia nel 1992 . dicono che tra la Grecia e l'Albania ci potrebbe essere addirittura una guerra .
Peccato per i greci perchè l'Alba dorata non è altro che un partito finanziato dagli stessi stati Uniti per creare una destra greca che non c'è mai stata contrapponendo così  la forte sinistra pro Russa .

C'è da dire che 1/3 dei membri dell'Alba Dorata dice che Greci e Albanesi sono fratelli , ma la chiesa ortodossa(filo russa) tratta i suoi fedeli a modo suo continuando a dividere ancora oggi la  Grecia e l'Albania spostando la Grecia sempre più vicino alla Russia e alla Serbia e allontanandola dall'occidente e dall'Albania.

 

 Il Padre superiore Nikolla Marku akuza il faslo sacerdote Anastasi


  Invece in questo video potete vedere la protesta del 1992 degli ortodossi albanesi contro i i preti ortodossi greci , ritenuti antialbanesi.

Più letti ultimi 7 giorni

Commenti recenti

Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria.Si distruggono i loro libri, la loro cultura, la loro storia. E qualcun altro scrive loro altri libri, li fornisce di un'altra cultura, inventa per loro un'altra storia. Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che e' stato. E il mondo attorno a lui lo dimentica ancora piu' in fretta. L'Albania ha la storia più antica d'Europa , una storia distorta dagli invasori e che faticosamente sta cercando di ricostruire.