Alluvione Genova 2011, aperto conto corrente per aiutare il padre di Gioia e Janissa


Flamur Djala ha perso tutto nell'alluvione del 4 novembre 2011 a Genova. Ha perso prima di tutto gli affetti più cari, la moglie Shpresa e le due figlie Janissa e Gioia, di uno e otto anni. HA perso  il magazzino con tutti gli attrezzi dell'impresa edile che aveva aperto con i due fratelli.
Ma Flamur non vuole lasciare Genova, anzi vuole ricominciare la sua vita proprio dalla città che lo ha accolto e che aveva scelto per la sua famiglia. Per questo i suoi amici e parenti hanno fondato un'associazione, chiamandola con il nome della figlia più grande, Gioia, e aperto un conto corrente per raccogliere fondi per quel che resta della sua famiglia.
Gli amici lanciano un appello: "Aiutate Flamur per permettergli di ricominciare a lavorare".
Il conto corrente dove fare la donazione è: IT84U020080140100010756575.



Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

La storia dei 130 carabinieri in Albania nel 1943 (una storia dimenticata)

Dopo la fine della seconda guerra mondiale l'esercito italiano in Albania si trovava circondato dai tedeschi e dai comunisti albanesi....