Il Molosso , il cane autoctono dell'Albania


Il cane Molosso è un cane autoctono dell'Albania . Ebbene si !!!

Il nome deriva dal popolo dei Molossi, abitanti i quali vivevano nella regione che comprende l'Albania meridionale e parte della Grecia nord occidentale(fonte wikipedia) .E' chiamato "il molosso d'Epiro".
Siccome per il 90 % degli studiosi albanesi la Grecia Antica non è mai esistita e che greci venivano chiamati tutti coloro che abitavano quell'area balcanica. Basti pensare che oggi la lingua greca antica è un simile all'albanese e la lingua greca moderna non è altro che una provenienza della lingua russa (slava) cioè una lingua comune che hanno questi paesi ortodossi.

Ritornando al cane autoctono albanese possiamo dire (secondo le nostre ricerche) che questi cani venivano usati nelle battaglie i quali affiancavano l'esercito in guerra. Il loro nome deriva dalla tribù illirica " i molossi".
Questi cani  venivano usati nelle battaglie per terrorizzare i nemici e per attaccare  i cavalli nelle battaglie di Alessandro magno e Pirro.


L'antico molossoide si è evoluto adattandosi ai vari climi ed ambienti geografici nei quali si trovò ad operare, dando il via alla formazione delle molteplici razze locali. Un'altra importante spinta evolutiva fu quella data da nuovi impieghi lavorativi: guardiani di proprietà, guardie del corpo, ausiliari nella caccia alla grossa selvaggina, cani da guerra, combattenti nelle arene, bovari ecc.

I molossoidi sono una famiglia di razze canine selezionate per servire l’uomo in tutti quei compiti che richiedono forza e resistenza. Sono cani per lo più grossi e potenti, robusti, con un carattere deciso e con un forte attaccamento al padrone.
Si tratta di un nutrito gruppo di razze, che si possono suddividere in almeno tre grandi tipologie:

  • Cani da montagna, utilizzati per la difesa del gregge, ma anche come cani da utilità (es Pastore del Caucaso, Cane di Terranova, Cane di San Bernardo)
  • Mastino, cani da difesa e guardiani di proprietà (es Mastino napoletano, Alano, Fila Brasileiro, Dogue de Bordeaux)
  • molossoidi di piccola taglia, generalmente da compagnia (Bouledogue e Carlino)

Questa razza, ormai scomparsa, sopravvive però in molte razze di molossi moderni, di cui è progenitrice: quella che per forma fisica gli si avvicina di più non è il mastino napoletano odierno troppo pesante e linfatico - almeno quelli da show -, ma è il Cane corso che risulta essere più leggero ed agile.




V-II secolo a.C., cani da guerra illirici (cane da pastore e da caccia detto "molosso lacone", hellenikos poimenikos, skilos tou Pyrrou, skilos tou Alexandrou, molosso d'Epiro, metchkar, qen ghedje, sylvan e in seguito il discendente charplanina).

VII secolo a.C-V secolo d.C., cani da guerra dei romani (molosso d'epiro), discendenti canis pugnaces: cane corso/mastino napoletano, ulteriori discendenti e accoppiamenti con tipi locali: perros da presa iberici, vucciriscu, dogo sardesco, mastino fonnese. Cani da supporto: maremmano-abruzzese.

In centro Molossia



Nessun commento