Le minoranze in Grecia e i Ciam

La popolazione della Ciamuria è costituita soprattutto da Albanesi e Greci, con piccole minoranze. Ci sono dati discordanti riguardo al numero della comunità albanese. Secondo il censimento greco del 1923, gli albanesi in Ciamuria sono 100.000.

Gli albanesi-ciamurioti furono vittime della crescente discriminazione del governo di Ioannis Metaxas.
Nel 1943 i cam albanesi vennero espulsi forzatamente dalle loro case in Grecia. Questo evento, come quello dell'espulsione di 12 milioni di Tedeschi alla fine della guerra sarebbe stato preparato ed ordinato dai comandi degli alleati Britannici ed Americani.

Negli anni '90 si è riaperta una "questione Ciamuria": i discendenti degli espulsi ciamurioti hanno rivendicato diritti sul possesso dei beni lasciati in Grecia e hanno manifestato la volontà di tornare nei territori d'origine. Il governo greco ha respinto la richiesta con la motivazione che durante la Seconda guerra mondiale alcuni ciamurioti (secondo gli odierni rappresentanti poche centinaia , un'esigua minoranza) aveva collaborato con le truppe d'occupazione dell'Asse. Tutte le rivendicazioni avanzate dai cam a partire dagli anni Novanta sono state respinte dal governo greco che considera la confisca delle proprietà degli stessi come bottino di guerra.


Il 10 gennaio 1991 è nato il National Political Association "Çamëria" (in albanese: Shoqëria Politike Atdhetare "Çamëria"), un'associazione che auspica il ritorno dei ciamurioti in Grecia e che rivendica il risarcimento dei beni lasciati nella regione. Il Chameria Political Association (CPA, Associazione Politica Ciamuria) lamenta un numero di 2.800 morti ciamurioti e oltre 35.000 espulsi, anche se questi dati non sono affatto verificabili; storici quali Victor Roudometof e Mark Mazower stimano il numero di espulsi in 18.000. I cam odierni sono prevalentemente mussulmani con una minoranza di Cristiani ortodossi. Ad oggi la popolazione cam di origine albanese, compresi i discendenti nati fuori della Cameria, ammonta a circa 600 mila persone. Oggi la popolazione di origine albanese e di lingua albanese in Ciamuria è in diminuizione, anche se ancora vi si trovano alcune comunità.

http://macedoniatour.blogspot.com/2009/05/le-minoranze-in-grecia.html

I ciam avevano la colpa di essere amici dei fascisti e per questo hanno pagato con la vita.

8 commenti

  1. 2001 guerra della Macedonia. Finalmente gli albanesi della Macedonia che sono quasi il 40% della popolazione otterranno i diritti che li spettano. Sempre meno di quelli che in Italia godono i Sud Tirolesi. 2006 il Kosova diventa finalmente stato.

    RispondiElimina
  2. mussolini in carne e ossa2 maggio 2009 16:02

    NEl 1912 i serbi invadono il Kosova arrivando fino a Durazzo. 500.000 albanesi del Kosova si rifugiano in Turchia per rimanerci. La prima pulizia etnica. L’orrore dei crimini serbi sciocca persino i socialisti serbi e Lev Trockij che in quei giorni era nei balcani e che in seguito descriverà in dettaglio. 1913 le grandi potenze fanno dell’Albania uno spezzatino. Il nord va al Montenegro. Dulcigno, Plava, Gucia e altro. Il Kosova ai serbi. Scopje e tutta la odierna parte occidentale di quel che oggi si chiama Macedonia a questi ultimi. La Ciamuria che si stendeva fino a Larissa e Janina ai greci. Volevano prendere anche il resto ma gli americani si oppongono. Ecco da dove nasce l’eterna gratitudine degli albanesi verso loro. Lo rifaranno nel 1998/99 in Kosova. 1941 le terre albanesi si riuniscono e si riaprono le scuole in lingua albanese. 1945 le terre albanesi vengono di nuovo date ai vicini. Altri 200.000 albanesi verso la Turchia. In Grecia la Ciamuria vive la pulizia etnica dei greci e questi si rifugiano in Albania. Non vi faranno mai più ritorno. La Grecia mantiene lo stato di guerra con l’Albania ancor’oggi per non concedere ai Cam albanesi di rientrare in possesso delle loro proprietà o di pagare gli indennizzi. 1998-1999 la guerra di liberazione del Kosova. Finalmente libera dopo orrendi crimini da parte serba che scioccheranno il mondo per la loro ferocia.

    RispondiElimina
  3. io sono serba e mi sembra che il mondo non ci odia cosi tanto come dici tu.

    RispondiElimina
  4. Come si vede i serbi sono sempre i piu' violenti anche quando scrivono, anche se si capisce poco, tanto male scrivono, ad ogni modo non e' un problema intanto in Kosova, se tornerete, sarete una minima minoranza e dovrete obbedire a noi. Tung

    RispondiElimina
  5. conosco almeno 2 donne di belgrado sposate con italiani e che vivono in italia.

    Non capisco perché lo stereotipo della donna serba secondo gli italiani è simile a quello di un ufficiale nazista delle ss quando invece ho conosciuto 2 persone educate e dolcissime che vivono in italia da molti anni senza problemi.

    RispondiElimina
  6. in italia ci sono tanti slavi(cioè serbi) che hanno cambiato cognome e stranamente la "iç" alla fine del cognome sparita.

    purtroppo i serbi osano fare tutto cio e in Italia si mescolano con i falsi italiani.

    RispondiElimina
  7. gli albanesi in macedonia non sono il 40%, e soprattutto non hanno tutti origini albanesi, una buona parte di loro (come in cossovo) sono considerati albanesi perchè parlano albanese, ma in realtà hanno origine turche, come anche una parte dei cam. E' facile anche capirlo, basta vedere il colore della pelle, gli albanesi con origini albanesi sono bianchi, mentre molti di loro hanno un colore di pelle come quello dei turchi!!!

    RispondiElimina
  8. albania deve riavere i territori che i greci ci hanno tolto con l'inganno!

    RispondiElimina