Cressce il traffico marittimo Bari - Albania

Il punto di forza nel traffico con l'Albania

BARI - ''I punti di forza del porto di Bari continuano a essere i traffici con l’Albania che, nel 2008, hanno registrato incrementi in tutti i segmenti: passeggeri (+3%), auto (+8,50%), bus (+23,09%), camion e semirimorchi (+8,50%); il traffico per l’Albania è il 34,7% dell’intero traffico passeggeri da Bari e il 56,7% delle auto”. Sono alcuni dei dati sull'attività del porto di Bari nel 2008, diffusi stamane dall’Autorità portuale del Levante secondo la quale Bari può essere “considerata a pieno titolo il porto d’Europa per l’Albania”.

In linea generale, il movimento dei passeggeri ha registrato un incremento del 3,73 per cento, con un totale di 1.846.408 persone in movimento. Per quanto riguarda i traffici da e per la Grecia, si sono registrati decrementi del 12,12 per cento nelle auto, “omogeneo al dato dei passeggeri” diminuiti del 10,12 per cento, e un decremento dei tir pari al 6,21 per cento. Quest’ultimo è compensato dal dato relativo all’aumento del 32,53 per cento dei semirimorchi. La crisi economica non ha toccato in maniera importante il traffico commerciale legato alla modalità 'ro-ro ferry': a un calo dei tir-camion pari al 4 per cento, ha corrisposto una crescita della movimentazione dei semirimorchi (più 25 per cento). Un altro punto dei forza per Bari, è il traffico crocieristico, cresciuto del 30 per cento. Allo sviluppo di questo settore ha contribuito il completamento della Darsena di Ponente, che, con l’installazione del nuovo parco boe, entro il prossimo 4 maggio, permetterà il contemporaneo ormeggio di tre traghetti per la Grecia e di una grande nave da crociera. Cresciuto, del 35,87 per cento, anche il traffico 'home-port'. Nonostante il dato complessivo del settore commerciale abbia registrato una flessione dell’8,31 per cento, resta positiva la tenuta delle merci 'variè su rotabili, contro un calo delle rinfuse, a partire dalle granaglie, del 27,7 per cento.

7/3/2009
fonte : http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/

Nessun commento