Perchè 90 di 100 eroi della rivoluzione greca erano arvaniti!

Perchè 90 di 100 eroi della rivoluzione greca erano arvaniti!
(Ricordiamo che in antichità gli albanesi venivano chiamtati arvanitas dai greci invece dai latini albanes)

Nel 23 agosto 1821 DH. Ipsilianti manda ai combattenti della rivoluzione greca, arvanitas mmusulmani e cristiani e a quelli albanesi una lettera di ringraziamento per le prime vittorie contro i turchi. Tra le altre, c'era scritto:

“Uomini, combattenti fedeli, ai comandanti Ago Vasjari, Ceko Bej, Myrto Cali, Tahir Abazi, Sulejman Meto, e gli altri toski. Voi Toski (Albanesi del nord) non avete origine dagli orientali (asiatici) codardi e neanche dagli slavi senza fama, siete i discendenti degli eroi dai quali anche noi proveniamo e il vostro nome rimarrà senza dubbio famoso e rispettato in tutti i regni del mondo. Voi siete stati con noi nelle battaglie per la libertà...” (M.llambrinidhi. “I allavani en eladha” pagina 86). Ma Ipsilanti si sbagliava, gli arvaniti musulmani e cristiani ma anche quelli dell'albania del sud che lottarono per la libertà della grecia, gli orientali arrivati dall'asia (cristiani ortodossi dell'asia minore ai quali bastava la religione che avevano per chiamarli greci) e gli slavi gli avrebbero rubato tutto, anche il nome.

A dire il vero il desiderio di fare scomparire il ruolo indispensabile che gli arvaniti ebbero nella rivoluzione greca nacque fuori dai confini della grecia. L'idea della creazione di uno stato greco negli inizi del secolo XIX si espanse in tutta europa acculturata, attratta dalla cultura antica greca e dei suoi filosofi. La terra che aveva fatto nascere Homero, Sokrate, Demokriti, Platone, Aristotele,.... meritava di essere libera. Gli aiuti per la rivoluzione greca si avevano in tutta europa. Ma dopo la vittoria della rivoluzione greca gli europei si trovarono di fronte a un grande imprevisto.

Una grande parte degli abitanti della grecia non parlavano greco! Questo l'avrebbe affermato anche il re della grecia George I quale avrebbe detto “Gli arvaniti rappresentano la maggioranza del nostro popolo”. Proprio in questo periodo un linguista tedesco disse con ironia “Provarono a formare una grecia antica ma crearono una albania nuova”. Se in grecia tra i combattenti della rivoluzione, gli arvaniti erano la maggior parte allora in qualsiasi modo questo rapporto doveva essere cambiato. Per arrivare a questo obiettivo si cerco di iniziare dalla parte delle scuole greche dove la sola lingua che si insegnava era il greco (l'albanese ancora non aveva un alfabeto ufficiale per la scrittura della sua lingua e la chiesa ortodossa fece tutto il possibile per fare in modo che questo alfabeto non nascesse mai usando anche la maledizione pubblica, oppure la non-chiesa per quegli albanesi che provavano a imparare a scrivere la loro lingua).

E in altra parte con l'inserimento in grecia di altre popolazioni ortodosse (e per questo motivo erano chiamati greci!) dall'asia minore o da Vllahia. Subito dopo la vittoria della rivoluzione iniziarono gli spostamenti di molti ortodossi dall'asia minore verso la grecia libera arrivando al punto che in grecia si stabilirono 1'500'000 abitanti ortodossi arrivati dall'asia minore, gli arvaniti si ritornarono in minoranza in grecia per la libertà per la quale avevano lottato. Certo, questi greci “nuovi” (parlavano davvero greco, ma erano veramente tali?) gli sembrava inacettabile l'idea che gli arvaniti gli avevano dato alla grecia la libertà. Per loro si vedeva solo una alternativa ! Il ricordo degli arvaniti doveva scomparire dalla storia della grecia. Loro (gli arvaniti) non dovevano esistere e neanche la loro lingua maledetta!

fonte : http://www.thelosttruth.altervista.org/

1 commento

  1. ciao, conosci un dizionario della lingua degli arvaniti? dove lo trovo?

    RispondiElimina