La lingua parlata ad atene nel 1180:albanese

Ma qual'era questa lingua sconosciuta parlata ad atene nel 1180?

Non poteva essere il greco popolare (non quella ufficiale) che poteva essere capita da Mitropolit, così come non poteva essere lo slavo oppure il serbo perchè tutte e 2 queste lingue avevano il loro alfabeto ed erano lingue ufficiali degli stati slaviche di sicuro mitropolit conosceva bene e avrebbe capito se queste personne avessero parlato il bulgaro oppure serbo, e per lo stesso motivo non poteva neanche essere il latino. Questa lingua sconosciuta che parlavano i contadini di Atene non poteva essere altro che l'albanese oppure la lingua arvanita che era sconoosciuta a Mitropolit perchè non era lingua ufficiale di nessun stato e non aveva un alfabeto ufficiale conosciuto. Gli arvaniti del secolo XI avrebbero seguito gli arvaniti che si sarebbero sparsi in grecia nei secoli XIII-XIV e XV e avrebbero liberato completamente essa dagli slavi. I primi segni li troviamo nella Tessaglia negli anni 1295, anni nei quali era dimenticato il suo nome antico ed era chiamata Vllahi oppure Vllahia grande. I Vllehiani si lamentarono con il governatore del'impero per la tessaglia per gli attacchi degli albanesi e lui li promette con queste parole: “non lascerò che abiti nella tessaglia nessun albanese apparte quelli che hanno il permesso con i timbro e art dell'impero”. Ma in alleanza con i cittadini greci della tessaglia gli albanesi in poco tempo allontanarono i vllahi dalla tessaglia e quelli che rimasero crearono alcune campagne nei monti di Pindo. Poco tempo più tardi altri arvaniti arrivarono nella tessaglia e si sparsero nelle zone montane. Una prova di questo, è Kadakuzhini nel 1333 dove si dice “stanno nell'impero della tessaglia, nella tessaglia montanara, arberesh senza re, Mallakase, Buej e i Mesarit, comandati dai capi dei gruppi sono circa 12000 persone”.

Questi arberesh (arvaniti) secondo Kordatit si legarono con l'impero Androniku III ed entrarono al suo servizio come combattenti. Esiste anche una prova di Vendikasit Marin Sanuto che scrisse nell'anno 1325. ecco cosa scrive: “Dio ha portato questa arma nel nostro posto tranquillo di Vllahise (Il nome della tessaglia in questo periodo era stato dimenticato). Il cosidetti arberesh sono riusciti a conquistare tutto quello che si trova fuori dai castelli. I Catalani e i greci(bizantini) hanno fatto un'alleanza per batterli in battaglia ma non hanno avuto successo. Alla fine scrive che loro (arberesh) decidono di allontanarsi per loro volontà ma gli altri arberesh che stavano arrivando gli chiedono.. Dove state andando? Stiamo tornando indietro perchè non riusciamo a conquistare i castelli - gli risposero – Non andate via perchè stiamo arrivando anche noi e vi aiuteremo a conquistare, gli risposero i primi. Così tutti insieme conquistarono tutta la Tessaglia.”

Così è successo che la tessaglia riavesse con l'aiuto degli arberesh il suo nome antico. Solo dopo alcuni anni gli arberesh (arvaniti) della tessaglia la avrebbero difesa come se fosse stato il loro posto. Nel 1318 combattono contro Don Alfonso Feadrigon di Tebe il fondatore dell'esercito Katalano, Nel 1335-1340 si ribellarono all'espansione bizantina e questa voglia di indipendenza dalle conquiste dell'est bizantini era una continuazione del loro causa politica e spirituale che li spinse nell'alleanza con i greci di Mihal Komninit e Luan Zguris contro la politica dell'impero di Nikeas. Esempi simili della espansione degli arberesh in tutta la grecia che troviamo nelle cronache del tempo sono molti. Così nel 1383 gli arberesh si sparsero a Bioti, con la richiesta del capo di Tebe Ramon De Vilanova. Ma in questo periodo un gruppo di arberesh prendono il permesso di abitare in Atik e si sparsero intorno all'acropoli e nella parte meridionale di Atene. Nell'anno 1402 abbiamo una concessione del senato di Venedikt per 300 famiglie arberesh di abitare in Eube. La cosa particolare di tutti questi documenti è che in tutti questi casi gli arberesh si insediano in grecia con il desiderio e la concessione delle autorità locali e mettevano a loro disposizione delle autorità la loro bravura nei combattimenti. Ma perchè le autorità preferivano gli arberesh per i loro eserciti anziché reparti slavi o turchi che erano altrettanto conosciuti per la bravura in guerra?

La risposta sembra solo una, la prima popolazione arberesh della grecia accettava pienamente l'insediamento nelle loro terre delle persone che parlavano la loro stessa lingua come anche questi, cosa che non sarebbe successa se quelli che venivano fossero stati turchi oppure slavi. Gli Arberesh (Arvanitas) del secolo XV si unirono con la popolazione dei greci antichi e con gli arberesh che erano arrivati in grecia tra i secoli VI-VIII e questo accomunamento spirituale si vide quando gli eserciti turchi andarono in grecia. Così quando i due fratelli dell'ultimo impero dell'impero bizantino, Kostandin Paleologut spaventati dall'espansione di Kostantinopoli si preparavano a vendere il peloponneso e di allontanarsi in Italia, il popolo arvanita della grecia e i greci antichi lottarono fino alla fine per fermare l'avanzata turca. Gli storici moderni greci puntano a difendere la tesi che questi parlatori della lingua albanese che arrivarono in grecia nei secoli VIII-XV scomparvero per il motivo che anche se erano migliaia morirono nelle battaglie contro gli slavi oppure i turchi.

Ma perchè è affermata questa tesi dagli storici moderni greci? Per quale motivo è indispensabile ufficializzare che gli arberesh del secolo VIII-XV scomparvero?

Il fine è chiaramente politico, e la politica non è mai stata alleata della verità. Ma allora, se gli arvaniti del secoli VIII-XV scomparvero, chi erano gli arvaniti di Aticobiotise, Lorkides di Eubese, delle isole di Saronikut, di Hidres and Speceve, di Argolidhes e di Korinthit, di Akaise e Mesines? Cosa erano e sono gli arvaniti della grecia del nord? Sono greci albanizzati, è la risposta degli storici greci. Ma anche se non credibile questa risposta è lostesso più onorevole di alcune affermazioni che non esiste nessuna lingua arvanitas diversa dalla lingua greca. Ma perchè tutto questo impegno per eliminare dalla storia della grecia, gli arberesh che parlavano albanese dei secoli VIII-XV?

Molto semplice, perchè gli eroi arvaniti della rivoluzione greca del 1821 dovevano sembrare da parlatori della lingua albanese a parlatori della lingua greca. Ma essendo che questo era impossibile perchè di quel periodo esistono molte prove scritte che parlano dell'identità e della lingua che parlavano molti di questi eroi arvanitas allora si affermò la teoria secondo la quale queste persone realmente parlavano un dialetto della lingua albanese (la lingua arvanitas) ma erano greci albanizzati. Motivo di questo era l'analfabetizzazione, ed essendo che la lingua albanese era più facile della lingua greca allora molti greci analfabeti (come se gli albanesi erano meno analfabeti) per motivi pratici impararono a parlare albanese!

Ma sembra che neanche questa versione della storia non sia piaciuta agli storici greci moderni e allora pensarono di cancellare completamente dai testi la nazione Arvanitas. Se la parola Arvanitas fosse scomparsa dai libri di storia allora non sarebbe nato neanche il bisogno delle discussioni delicate di un popolo arvanitas nella grecia o di una lingua arvanitas che era diversa dal greco moderno. Dico greco moderno perchè come mostrano i dizionari della lingua arvanitas cominciando da quello scritto da uno degli eroi della rivoluzione greca, Marko Bocari, quella (la lingua arvanitas) è molto simile alla lingua greca omerica. Ma perchè si diedero così tanto da fare gli storici moderni greci per cambiare l'identità e la lingua arvanitas e sucessivamente di cancellare completamente il loro nome dai libri di storia? La risposta è semplice!

fonte : http://www.thelosttruth.altervista.org

4 commenti

  1. è vero la lingua antica che si parlava in grecia è la lingua albanese.

    la verità è che metà della popolazione greca è composta da persone che hanno origini albanesi..

    solo adesso lo stanno dicendo questa bella verità

    RispondiElimina
  2. HANNO FATTO UN PROGRAMMA SU UNA TELEVISIONE FRANCESE SULLA VERICITA DELLE STORIE GRECHE .
    E HANNO DETTO CHE I GRECI E ALBANESI SONO STATI LA STESSA COSA E CHE PRIMA DEL 1500 LA LINGUA CHE SI PARLAVA IN GRECIA ERA LA LINGUA ALBANESE.

    LA LINGUA ALBANESE E LA LINGUA PIU ANTICA IN EUROPA.
    ADESSO HO CAPITO PERCHE GLI ALBANESI SONO MOLTO NAZIONALIATI E PERCHE GLI ALBANESI AFFERMANO SEMPRE "LA RELIGIONE DEGLI ALBANESI E' L'ALBANESITA'.

    RispondiElimina
  3. Albania = italia = fascismo = nazismo = Duce.

    Grecia = serbia = russia = comunismo = Lenin

    RispondiElimina
  4. mi piacerebbe vedere un giorno i paesi palcani che si mettono seduti in un tavolo.

    voglio vedere l'alleanza dell'Europa dell'Est.
    e il mio sogno.

    RispondiElimina