A Milano la mostra "Madre Teresa. Una bambina di nome Gonxhe"

A Milano dal 19 fino al 25 gennaio 2011, in Sala Alessi a Palazzo Marino (piazza Scala, 2) la mostra “Madre Teresa. Una bambina di nome Gonxhe”, promossa dal Comune di Milano in collaborazione con la Fondazione culturale Madre Teresa di Tirana e con il sostegno dell’Ambasciata di Albania a Roma, dell’Ambasciata d’Italia a Tirana e del Consolato Generale di Albania a Milano, in occasione della visita di Stato del Primo Ministro albanese Sali Berisha a Milano.


“Madre Teresa di Calcutta è un simbolo universale di amore per il prossimo – spiega il Sindaco Letizia Moratti –, è colei che tutto il mondo riconosce come speranza di riscatto per i più poveri tra i poveri, e, proprio per questo, come speranza di rinascita per l’intera umanità”.

“Una speranza che non è venuta meno con la sua scomparsa – continua il Sindaco – ma che cresce nel ricordo del suo esempio, della sua bontà e della sua fede. La mostra promossa a Palazzo Marino vuol contribuire a far conoscere , soprattutto ai giovani, la sua grandissima impresa umanitaria, un modello a cui ispirarsi giorno dopo di giorno”.

"Una grande donna albanese"


L’esposizione si articola in un percorso libero attraverso oggetti, fotografie, testi e filmati riguardanti il percorso spirituale e di vita di Madre Teresa dalle radici albanesi della sua famiglia, alla sua missione in India e nel mondo. Si tratta di un viaggio nella sua vita attraverso oggetti che le sono appartenuti, pensieri e scritti che ha lasciato. La la prima parte dell’esposizione si focalizza su oggetti di vita quotidiana, abiti, gioielli legati all’infanzia di Madre Teresa e alla tradizione albanese. Il percorso, costellato da una selezione emozionante e simbolica di immagini di Madre Teresa, approfondisce inoltre il significato di quindici parole (radici, pace, Dio, amore, sorriso, fede, sari, sofferenze, povertà, santità, gioia, condivisione, silenzio, preghiera, ritorno) che rappresentano la vita di colei che da giovane partì dall’Albania verso l’India per donare la sua vita “ai più poveri dei poveri”.

Vincitrice del Premio Nobel per la pace nel 1979, dichiarata Beata nel 2003 da Papa Giovanni Paolo II, Madre Teresa diceva che “ciò che facciamo con amore porta sempre la pace con sé. Solo l’umiltà ci porterà all’unità e l’unità alla pace”.

Nessun commento