Una protesta in Albania finisce in tragedia.

Cinque ore di violenza e caos davanti al parlamento albanese.

È degenerata in violenti scontri con la polizia una manifestazione organizzata a Tirana davanti alla sede del governo albanese. Sono almeno tre i morti, secondo un primo bilancio, riportato dalla Bbc. Oltre 20mila persone hanno aderito alla protesta indetta dall'opposizione per chiedere al governo di convocare elezioni anticipate.

Negli scontri si contano anche "17 feriti tra gli agenti, di cui tre gravi, e 22 tra i civili", ha chiarito Koceku.
Diverse migliaia di persone erano scese in piazza nel centro di Tirana chiamati dall'opposizione socialista. Ai sassi e agli oggetti scagliati dai dimostranti i poliziotti hanno risposto con lacrimogeni e getti degli idranti per disperdere la folla.


ll presidente e il leader dei socialisti (dell'opposizione)hanno lanciato un appello alla calma.
La procura di Tirana ha subito iniziato ad indaggare e accerchiato i luoghi delle proteste per fare luce sulle responsabilità della polizia albanese.

Le manifestazionei stanno colpendo sia la Grecia sia l'Albania.

Intanto a Tirana torna la normalità.

4 commenti

  1. Berisha : le armi usate per uccidere i 3 manifestanti non sono della Polizia albanese

    RispondiElimina
  2. Ad uccidere i 3 manifestanti non è stata la polizia albanese . sono stati uccisi da infiltrati

    RispondiElimina
  3. Berisha: le armi che hanno ucciso i manifestanti non sono della polizia.


    Berisha: Rama ha cercato uno scenario tunisino, le armi che hanno ucciso le vittime, non sono della polizia.


    TIRANA - Lajmifundit - Nella prima reazione dopo l'incidente avvenuto oggi alla manifestazione tenutasi a Tirana, il Primo Ministro Sali Berisha ha accusato il presidente del PS, Edi Rama per aver incitato alla violenza.

    Berisha ha detto che le armi che hanno sparato le tre persone uccise alla manifestazione, sono state pistole di piccolo calibro, armi da fuoco che non sono stati utilizzati dalla polizia impegnata nel mantenimento dell'ordine nella manifestazione.


    "Oggi avete visto "le strategie" di Edvin Kristaq di Rama, l'ex ministro della sicurezza dello stato di dittatura e l'autore del massacro di Scutari Gramoz Ruci. loro hanno proiettato un atto per prendere il potere con la forza. Loro si sono impegnnati a manovrare i teppisti ,criminali e trafficanti pagandoli. I bastardi immaginavano uno scenario tunisino del quale ne parlavano da diversi giorni.

    Per ore e ore sotto la guida diretta di Kristaq Edvin Rama , il quale si trovava dentro la l'ufficio comandando i gruppi criminali , gruppi di banditi contrabbandieri e terroristi, ma che alla fine non erano più di due o trecento persone ", ha detto Berisha.


    Secondo lui, sono stati uccisi tre cittadini e deriti una decine diperone . La responsabilità ricade sul organizzatori dello scerario

    "Esprimendo le nostre sincere condoglianze alle famiglie delle vittime di dire che i dati preliminari indicano che ogni vittima è stato sparato da vicino con armi le quali : pistole leggere non si trovano in Polizia di Stato o la Guardia Repubblicana. Chiedo alla procura di portare alla luce la verità su queste vite perdute ", ha detto il primo ministro.

    http://made-in-albania.blogspot.com/2011/01/berisha-le-armi-che-hanno-ucciso-i.html

    RispondiElimina
  4. shikojeni mire videon para kryeministise ,thone qe paskan pare flake zjarri qe vinte nga brenda ministrise ,shikoni me vemendje momentin qe ai i ndjeri bie ne toke dhe shikoni ate kokbardhin nuk e shikoj mire me duket se ka kapele apo floke te bardha qe largohet me indiferencen me te madhe shikojini edhe levizjen e dores qe ben ne momentin qe i ndjeri bie ne toke ,nuk e di por per mua eshte ai ,kapeni ate maskarain e qelbur dhe kalbeni brenda ne burg

    RispondiElimina