Scutari e gli imperatori albanesi a Roma

L’antica Illiria, era il paese dei liberi “liri”.(ILIR = LIBERO)

Si estendeva nei Balcani occidentali a sud del Danubio ed era formata da una serie di varie tribù evolute che vivevano attorno alle città stato, dove a capo c’era un unico re, e diversi re si succedettero al trono durante la sua storia, qui indicheremo solo gli ultimi, quelli nel periodo di massima fioritura dell’Illiria.

Con il re Glauco, (312 a.c) il paese aveva raggiunto il massimo dell’evoluzione, e col suo governo che dedicava tutte le proprie risorse alla cultura e benessere, l’Illiria aveva goduto di 80 anni di pace. Il suo erede fu Agron che aveva tendenze militari, e secondo il racconto di Stradone, nessuno dei suoi predecessori aveva reso tanto potente il paese dal punto di vista bellico. Forse Agron era preoccupato dalla crescita di una nuova potenza, quella di Roma, che era in continua espansione, e che rappresentava un pericolo per l’illiria, dopo la morte di Agron andò al trono la regina Teuta, si dice che non fosse molto gradita ai Romani, che la chiamavano “la regina isterica”.

Dopo la sconfitta dall'Impero romano si insedio Genzio decise di fare la città di Shkodra (Scutari), nel nord dell’Albania attuale, capitale dell’Illiria, accrebbe il potere centrale e ordinò che solo Scutari potesse coniare moneta. Purtroppo, non tutte le città-stato aderirono, rendendo, forse sotto l’influenza romana, più gracile e vulnerabile L’illiria.

Insomma Roma occupò tutta l'Illiria che era divisa in 3 parti, comunque, anche dopo l’occupazione, le scuole dell’Illiria illuminarono le menti di molti personaggi di Roma. Tra i più noti possiamo citare Giulio Cesare, il quale si perfezionò nelle scuole di Durazzo, come narra lui stesso nel “De Bello Civili”.

Un’altra grande mente di Roma che studiò nelle scuole dell’Illiria, e precisamente nella citta-stato di Apollonia, fu Augusto, il quale amò quel luogo durante tutta la sua vita.

Comunquela terra albanese diede a Roma e a Bisanzio molti imperatori
Infatti a Roma ci furono 20 imperatori albanesi, tra i quali ricordiamo:

Aureliano, detto “Restitutor Orbis” (214-275)

Diocleziano (255-313)

Costantino il Grande (274-337)

Giustino I (450-528)

Giustiniano il Grande (482-565)

Giustino II (morto nel 578)
Ci sono molti legami e storia che racconta come l'attuale Albania aveva un ruolo importannte non solo per l'istruzione ma anche per la posizione strategica nel mediterraneo.

Nessun commento