Byllis : tra le scoperte più importanti del Mediterraneo.

Byllis è un sito archeologico tra i più importanti in Europa per quanto riguarda il periodo che risale a 2500 anni fà.
E stato scoperto il laboratorio dell'Olio , una cantina e laboratiorio del vino, laboratorio dellafusione del vetro e tanto altro.
Si trova nell'Albania centrale e si trova sulle cime di una collina dove si puo osservare mare montagna e terre lontane.
Non è raggiungibile facilmente e si trova molto fuori dai centri abitati .quasto ha permesso un abuona conservazione.

Byllis si estende su un vasto spazio. Da lì si può vedere la metà del territorio
dell'Albania. Da lì, l'occhio cattura Janina, monte Tomorri, Mare Adriatico e
tanto altro. Byllis ha carattere epico. . Egli si distingue con le altre città
del periodo ellenistico. Seri ricercatori vedendo il sito deducono che si tratta
di una copia della città ellenistica greca, ma un'altra forma in termini
archittetonici . La cosa più importante che tutte i reperti e le strutture sono ben conservate per il semplice motico che in epoche successive alle loro costruzioni non è stata abitata.



Storia
Gli inizi della sua appartenenza risalgono alla metà del IV secolo a.C fino alla
fine del VI secolo dopo Cristo ,quindi ha avuto circa 1000 anni di vita(10 secoli).
Infatti dopo il VI secolo d.c , non è il più stata popolato ,in questo modo è
stata diffesa dalla rovine che potevano avvenire con costruzioni nuove nel
tempo.
Grazie a questo fatto, Byllis è un importante centro per il VI secolo, quando fu
abbandonato, ma anche per i periodi precedenti. Questo perché molti dei
monumenti che appartengono al tempo prima del secolo VI secolo, non sono
utilizzati e sono meglio conservati. Byllis, è oggi la città antica meglio
conservata nel Mediterraneo.
Oggi gli scavi non sono stati completati e cè tantissimo da riportare alla luce.
Byllys è oggi una degli antiche città meglio conservate che risale a 2600 anni
fà.

Questo centro sta fornendo e fornirà risposte a molte domande del passato la
vita, la pianificazione urbana e l'economia.
Finora, l'Istituto Archeologico ha ricevuto dati per quanto riguarda gli edifici
religiosi, la lavorazione dell'olio e del vino.


Edifici che sono stati scoperti

Episcopato di Byllis è una vasta area di 8.000 metri quadrati. Dal
complesso si è scoperto solo la metà del sito in quanto l'instituto di
archeologia ha ancora tanto da scoprire con cura e pazienza.
Si tratta di un paese intero antico. Come parte della cattedrale della città,
dove gli scavi iniziarono nel 1984.
La Cattedrale nel Bylis è composto dalla Chiesa, il Battistero e complesso episcopale (il palazzo del vescovo). Chiesa o il vescovo, nel secolo VI secolo divenne proprietario di un grande in città e
svolgono un ruolo importante nella gestione e l'economia. Così che nel 1991,
avevano completato lo scavo completo la scoperta del Battistero .

Nell stesso anno, gli archeologi avevano scoperto l'officina del legno e e della
trasformazione della pietra.
In queste trutture hanno trovato strumenti e utensili in legno per la
trasformazione della pietra.
Si spera che in futuro si possa trovare il laboratorio della latte (pastorizia )
e della Ceramica.

Anni fa sono stati trovati graffiti si trova ai bordi di recipienti che parlano
proprio di Byllis Si è appreso che questo piccola città è stata importante non
solo per la produzione di bestiame e prodotti agricoli, ma appare anche nella
produzione di ceramica.



Il Teatro

Il teatro è il il monumento più importante a Bylis per quanto riguarda
l'antichità. Il teatro infatti è ben conservato.
Inoltre è stato scelto l'angolo sudorientale della piazza per la sua costruzione
in quanto era una parte dove il terreno facilmente scavabile ed era facile da poter
costruire le scale.
Inoltre, questa posizione è adiacente al muro di cinta della città offrono
l'opportunità di comunicare direttamente con chi
proveniva da una gran parte degli spettatori, senza dover passare attraverso i
quartieri della città.
I visitatori provenienti da stadio, oppure quelli che entravano in città dalla
porta,potevano notare il teatro in questo modo poteva essere attraente e rappresentare un
magnifico edificio.


La cantina di vino in Bylis
La cantina del vino in questo sito è la meglio conservata nel Mediterraneo non solo per il periodo della tarda antichità, ma per tutti i periodi,.
In questa cantina si può osservare l'intero processo di
produzione del vino, dal momento dell'arrivo delle uve per estrarre il vino. Si
tratta di una veranda con un cortile in cui le uve provengono, si scaricavano e si depositavano all'interno. Da qui attraversava tutte le fasi di lavoraziopne.
Sono state trovate 2 grandi vasche ma si pensa che c'è ne siano altre.

Finora sono state scavate due grandi Vasche e un altra che è stata identificata,
ma ancora non si sa quante potrebbero essere in totale. Le vasche grandi sono le
dimensioni di tre metri per tre e due metri di altezza. Da questo si può
comprendere che la quantità di vino che si lavorava era molto grande.
Questa è tra le più grandi cantine di vino dell'antichità .
Questo non è Cantina della città, ma appartiene al vescovo della città, il che
significa che appartieneva al Episcopato .
Si puo pensarte che la città avrebbe avuto cantine più grandi di questa.

Questa cantina offre la possibilità di capire un modello di trasformazione antico del vino .
Parte della cantina scavata è di circa 2000 metri quadrati e dispone di tanto
spazio.Gli edifici erano generalmente a due piani, al piano superiore è usato per un'altra cose.
I recipienti per il vino erano fatti erano di argilla



Due parole sulle cantine del vino
Cantine del vino ci sono state anche nel periodo romano e sono ben conservate e
si trovano nella zona di Israele e Palestina, invece in altri territori non c'è
ne sono ben conservate nella storia.
La cantina di Vino di Byllis facceva parte della vita economica della città.
Era anche un centro di produzione e di commercializzazione. Il complesso
In Albania, fino al 19 ° secolo, il vino è stato usato molto e più tardi si
inizio a usare l'uva anche per produrre la grappa.


Laboratorio dell'Olio
Laboratorio dell'olio d'oliva è stata scoperta pochi anni fò dal team di
archeologi che hanno lavorato nel corso del 2008 in questo centro.
E scato scoperto la fresatura(il mulino) che macinava l'oliva e poi ci sono
anche i forni per trasformazione in Olio e poi sono state trovate resti di
materili


Guarda il video

video




Immagini del sito archeologico




Nessun commento