Enrico Mentana in Albania

Il giornalista Enrico Mentana , l’ex presentatore del programma Matrix , è stato in Albania per partecipare alla trasmissione Top Story condotta da Sokol Balla su Top Channel

Il tema di discussione è stato "Il giornalismo con con i suoi preggi e i difetti , la situazione politica italiana e il giornalismo italiano".
Mentana spiega il suo percorso di 30 anni di giornalista e spiega le difficoltà del giornlismo italiano.

Sokol Balla è uno dei migliori presentatori - giornalisti d’Albania, ha intervistato Mentana per circa 90 minuti passando da temi di politica a quelli sulla situazione economica Europea. La maggior parte delle domande sono state prese come spunto dall’ultimo libro scritto da Mentana "Passionaccia".
Si è parlato della sua amicizia infantile con due ragazzi, dove uno dei quali diventò terrorista e un altro magistrato.
Balla gli chiede: "Quando lei era direttore del TG5 eravate contro il bombardamento della nato in Serbia, quello è stato un periodo doloroso per gli albanesi, lei diceva che No ai bombardamenti per andare contro Berlusconi in quanto Berlusconi e Fini avevano dato via libera".
Mentana riposponde dicendo: "beh se per questo anche D’Alema avava dato via libera, io in quei anni vedevo tutte queste forze, le più potenti del mondo che attaccavano la Serbia e io come giornalista in quel periodo le ritenevo così anche perché eravamo un po’ disinformati sulla situazione su che cosa stesse accadendo anche se ora siamo tutti contentti che non ci sia più un criminale come Milosevic e che il mio No all’intervento della Nato non era per fare un dispetto a Berlusconi".
L’intervista continua sui temi da quando Enrico Mentana era giornalista alla Rai fino alla fondazione del TG5 e alla trasmisione Matrix.

Il presentatore arriva alle domande del rapporto di Mentana con Berlusconi e il suo lavoro a Mediaset.
Il presentatore albanese insiste e chiede a Mentana se il suo allontanamento da Mediaset sia stato causato dopo aver tolto la parola a Berusconi in una trasmissione di Matrix nell’ultima giornata elettorale.

Mentana sorridendo fa notare che Berlusconi quella sera si arrabbiò molto e se ne andò arrabbiato ma tutto si risolse con una sua telefonata dopo 5 minuti che aveva lasciato lo studio di Matrix - sottolinea Mentana -: "il cavaliere mi chiamo quella sera dopo 5 minuti e mi diss hai fatto bene a interrompermi".
L’intervista continua e Mentana - sottolinea -che in Italia per fare giornalismo bisogna essere o di destra o di sinistra.

Mentana dice che prima del 1994 in Italia non esisteva la destra e che Berlusconi assime a Bossi e Fini crearono e che portano avanti oggi una mentalità di destra.
L’intervista continua parlando della situazione dell’Italia e dell’Albania. E sel’Albania deve avere come modello la politica italiana e il giornalismo italiano.
Mentana fa ricordare che l’Albania è una giovane democrazie e la politica italiana è molto calda e molto scontrosa e a a volte una politica poco chiara. Nella politica italiana c’è tanta confusione e che comunque il giornalismo italiano, albanese e europeo dovrebbe essere indipendente.
Mentana conclude la sua intervista affermando che: "L’Albania è cambiata molto e la sua visione in Italia è molto positiva già da dieci anni".

1 commento

  1. Enrico Mentana è andato in Albania a giugno 2010 è stato invitato dalla tv albanese Top Channel.
    la stessa tv che ha intervistato Paolo Bonolis dove quest'ultimo è stato scelto come "il presentatore italiano preferito dagli albanesi "in quanto Bonolis è un ottimo condutore e una persona seria e che abbia 4 filgi.

    RispondiElimina