Apollonia.I' importante centro archeologico dell’Albania


Il più importante centro archeologico dell’Albania Apollonia.
Apollonia è situato a circa 15 km da Fier è una città antica. Già nel II secolo avanti
cristo Apollonia aveva una popolazione di 50.000 abitanti.
nel V a.c in questa città c'era un laboratorio per coniare le monete. grazie a questo
laboratorio le monete si diffusero per tutta l'Illiria.
Giulio Cesare imperatore di Roma (tra i più famosi) usò l'Apollonia come fortezza contro i
pompei.
Come ricompensa ad Apollonia fu concesso lo status di città libera.
Apollonia diventa così una città libera e molto importante per l'arte e la cultura di quei
secoli.
Molti personaggi illustri ma anche Ottaviano Augusto (il primo imperatore romano) e
Agrippa (re di Giudea), legati da stretti vincoli di amicizia, vennero a studiare alla
famosa scuola d'Apollonia. Fu qui che appresero la notizia dell’assassinio di Giulio Cesare.
Nel III secolo d.C. un terremoto sconvolse l’orografia della regione facendo cambiare
direzione al fiume Vjosa e portò al declino di Apollonia.
I primi scavi eseguiti durante la Prima Guerra Mondiale riportarono alla luce
principalmente la cinta muraria della città.
Nel 1924 si riusci a trovare un insieme di monumenti del centro della città.Il lavoro pi è continuato da archeologi albanesi.
La gran parte delle cose ritrovate si trovano al museo .Comunque si è riuscito a scoprire che era circondata da 4500 metri di muro spesso 3 metri e mezzo.

4 commenti

  1. potete vedere altre foto qui

    http://www.vincenzoavagliano.com/archeo.html

    RispondiElimina
  2. Apollonia, la Pompei d'Albania14 dicembre 2008 16:05

    Apollonia, la Pompei d'Albania



    L'Albania, lo sappiamo, nasconde molti incredibili tesori d'arte, di archeologia, di storia che appartiene anche a noi perchè parte integrante della storia del Mediterraneo.
    Tutto il Paese è ricco di città millenarie, come Apollonia, dove personaggi come Silla e Cesare, Augusto e Cicerone amavano sostare. E' proprio di Cicerone, preso dalla bellezza del sito, la definizione di ‘Urbs magna et gravis'.
    Lo storico-geografo Pausania ci dice che la città fu fondata dal dio Apollo. E' una bella leggenda che lega la nostra Apollonia alle tante altre sparse sui territori ellenofoni, da Apollonia sul Ponto Eusino ad Apollonia d'Epiro e testimonia l'importanza della città cui si attribuisce un tanto magnifico ‘padre'. Molto più probabilmente, come afferma il geografo Strabone, la città fu fondata agli inizi del VI sec. a. C. da coloni provenienti da Corinto e dall'isola di Corcira. Il sito era davvero invitante e adattissimo ad un felice insediamento: distava dal mare solo 12 kilometri facilmente percorribili dalle navi da carico attraverso un vicino fiume navigabile, l'Aoos.
    Non senza ragione, dunque, Strabone fa nascere da qui la leggendaria Via Egnatia, una delle grandi vie romane, che attraversava tutta l'Illiria verso le province d'Oriente per portare merci, mercanti, uomini d'affari, soldati, ma anche uomini di cultura e potenti d'ogni genere.
    Si comprende, dunque, perchè qui nacque un'importantissima scuola di retorica e filosofia, una specie di grande università dove arrivarono ‘studenti' del calibro di Ottaviano, il futuro primo imperatore di Roma, ed il suo amico (e futuro genero) Marco Vipsanio Agrippa al quale si deve il Pantheon a Roma, ma anche la Via Egnatia in Puglia.
    Questa premessa per dire che le ultime vicende delle terre che si affacciano sul Mediterraneo Orientale ci debbono richiamare ad una maggiore umiltà intellettuale: lo dico con rispetto, ma dico che l'Albania è proprio terra da ‘scoprire', il che potrebbe apparire per un verso offensivo, per un verso sorprendente e superfluo per una terra di cultura plurimillenaria. In realtà, com'è ovvio, mi riferisco a noi, perchè siamo noi che dobbiamo reimparare a guardare con gli occhi della meraviglia (da cui nasce il sapere, secondo Platone) queste città ricche di monumenti e segni che fanno parte della nostra ‘humus' culturale.
    Ciò che resta dell'antica Apollonia è davvero magnifico al punto che la si paragona a Pompei, anche per la ricchezza di monumenti ‘leggibili'. A partire dalle mura fatte di grandi blocchi sovrapposti e incastrati ad arte dalle cui stratificazioni si possono leggere le tecniche costruttive che segnalano i periodi delle lunga storia.
    Al centro di tutto la grande agora, cuore pulsante delle antiche città dove si facevano incontri, si combinavano affari, si costruivano alleanze: oggi resta una parte del tempio dedicato ad Apollo, poco lontano dall'Arco di trionfo, dalla Stoà (il portico coperto), dalla Biblioteca, il Tempio di Diana.
    A testimonianza della ricchezza della città nel corso dei secoli, abbiamo grandi, eleganti mosaici con scene mitologiche, ma anche, elegantissimi, con disegni geometrici.
    La città, però, non si ferma con la caduta dell'Impero romano e allora ecco chiese, monasteri, come quello dedicato alla Vergine, del XII-XIV secolo dove, come dappertutto nel Mediterraneo, furono riutilizzati pezzi di colonne, pietre, capitelli antichi.
    Molte statue e testimonianze da Apollonia sono oggi nel ricco Museo Nazionale di Tirana.
    a cura di Jolanda capriglione



    fonti http://www.denaro.it/VisArticolo.aspx?IdArt=542954&KeyW=

    RispondiElimina
  3. ha un sito internet questo parco?

    ciao
    grazie

    RispondiElimina
  4. guarda questo sito se ti interessa

    http://www.ulqini.de/Liqeni_i_Shkodres.htm

    RispondiElimina