CNN mette l'Albania nella lista delle migliori destinazioni del 2011



L'Albania occupa il sesto posto su 9 paesi sulla lista della Cnn per le milgiori destinazioni delle vacanze 2011

In questo articolo della CNN si legge che l'Albania può essere una sorpresa per molti turisti," l'Albania offre ai viaggiatori un assaggio del Mediterraneo senza affollamento e prezzi non molto elevati".

CNN afferma che la destinazione reale è la città di Girokastra, il cui centro è sotto la protezione dell'UNESCO come patrimonio mondiale. Gjirokastra è descritta come una città con edifici antichi, e un luogo con molti aftmosferë e la storia.

Con spiagge pittoresche, il buon cibo e un gran numero di paesi antichissimi, l'Albania sarà meta preferita per lungo periodo. secondo le stime della CNN.

In cima alla lista della CNN risulta New York, seguita dalla Nuova Zelanda - e per poi arrivare allsesto posto occupata dall'Albania seguita al setimo posto il Giappone.
La lista delle CNN arriva a due mesi di distanza dalla pubblicazione della Lonely Planet che metteva l'Albania prima nelle destinazioni del 2011.

Il Cannolo piu' lungo del mondo

Il Cannolo piu' lungo del mondo

Piana degli Albanesi (Pa) - Record del Mondo - Prodotto il Cannolo piu' lungo del mondo

Pollo alle noci - la ricetta

Pule me arra - pollo alle noci
Pollo condito con una salsa a base di aglio e noci.

Ingredienti
500 g di pollo
3-4 cucchiai di burro
½ tazza da the di noci sbucciate
5-6 spicchi d’aglio schiacciati
1-2 cucchiai di farina
2 cucchiai di aceto
5-6 cucchiai di acqua
sale e pepe.

Preparazione:
Fare sobbollire il pollo in acqua e sale fino a che diventa tenero, quindi per circa 1 ora. Rimuovere il pollo dall’acqua di cottura di cui va conservata 1 tazza. Lasciare raffreddare il pollo leggermente, quindi tagliarlo in 4 porzioni.
Sciogliere 2 cucchiai di burro in una ampia padella. Aggiungervi i pezzi di pollo e saltarli fino a che siano leggermente dorati. Rimuovere i pezzi di pollo dalla padella e tenerli in caldo.
Fare sciogliere il burro rimanente in una casseruola, aggiungervi la farina e lasciare cuocere, mescolando costantemente, fino a che il composto si è imbrunito.
Aggiungere il brodo e portare ad ebollizione continuando a mescolare per evitare che si formino dei grumi. Aggiungere l’aceto, l’aglio, le noci, il sale e il pepe a piacere. Mescolare e lasciare cuocere fino a che sia pronto. Disporre il pollo nei piatti e versare su ciascun piatto la salsa.

Natale in Albania - Gëzuar Krishtlindjen

Gëzuar Krishtlindjen

KOMUNIKATE PER TE GJITHE SHQIPTARET!!!

Te gjithe shqiptaret kane bere progrese te medha ne vitet e fundit por duhet te vazhdojen misionin e tyre per te patur te drejta ne kete Evrope sepse urrejta ndaj shqiptarve mundet te trasformohet ne nje tragjedi.



KOMUNIKATE PER TE GJITHE SHQIPTARET!!! TE MOS LEJOJME QE NJE I PAFAJSHEM SHQIPTAR TE QENDROJE AKOMA NE BURG

Te mbash nje te pafajshem ne burg per hire te karrieres se ndonje prokuroreje te paafte, karieriste dhe raxiste eshte nje krim .

Te mbeshtesesh nje person qe ben krim me apo pa dashje s'mund ti vendosesh emer tjeter vecse ate te bashkepunetorit me kriminelin.

Te lejosh shkaterimin moral material dhe shpirteror te nje familjeje dhe mbajtjen ne burg te nje njeriu te pafajshem ne nje vend demokratik do te thote te vrasesh demokracine.

Shqiptaret qe kane dale ne protesta ne mbrojtje te zotit Nexhip Qepi s'do te lejojne kurre dhe ne asnje menyre qe kunder zotit NEXHIP QEPI dhe familjes se tij te kryhen akte te tilla akte kriminale.

Shqiptaret nuk do te lejojne te derdhet gjak shqiptari ashtu si ndodhi dy vjet me pare me nje familje shqiptare ne gjykaten e Reggio Emilies qe per faj te asistences sociale, trupit te akuzes dhe gjykates qe ne vend te conte familjen drejt bashkimit dhe dashurise, percolli drejt vdekjes se sigurte tre persona duke shkateruar dy familje njeheresh.

Gocat e zotit Nexhip Qepi bertasin me zerin qe shkon deri ne qiell, duam babane tone dhe jo asistencen sociale.

Asistenca sociale nga ana e saj kerkon qe femijet te akuzojne babane e tyre ate qe i rriti me dashuri dhe edukate .

Akte te tilla vrasin jete njerzish dhe humbin besimin ne emrim e mire qe ka demokracia italiane.

Shoqata "Shqiponja"E Reggio Emilies "Iliria" Rome dhe " 28 Nentori" Vareze do te demaskojne pa meshire te gjitha keto akte kriminale qe s'kane emer tjeter dhe do te deklaroje me emra te gjithe ata persona qe bejne keto presione kunder femijeve dhe do ti denoncoje publikisht ne protesta dhe shtyp dhe denoncojme ligjerisht ligjerisht .

Per kete kemi qene dhe do te jemi te vendosur deri ne fund.

Do te publikojme edhe nderyrje te punonjesve te policise se shtetit qe per tu bere qejfin "padroneve te felliqur hyjne pa akt te prokurorise ne shtepite e qytetareve per ti rrahur dhe dhunuar ata.

Keshtu ka ndodhur edhe me qytetarin shqiptar zotin Besnik Dervishaj.

Pas denoncimit te bere ne karabinieri kunder ketyre dy pynonjesve kriminele te veshur me rrobat e ligjit dhe te tipit mafioz ishte prokuroria ajo dhe gjykata qe e mbylli ceshtjen pa dijenine e personit qe beri akuzen i perfaqesuar nga avokate qe kane frike nga ligji dhe perse ??????

Sepse akuza kunder policise sipas ketyre "filozofeve" ul autoritetin e shtetit, pa ditur dhe pa kuptuar se besimi ndaj organeve te ligjit dhe shtetit humbet kur fshihet e verteta dhe mbrohen kriminelet.

Vidhtn parate ne shtepine e qytetarit shqiptar Themi Prifti , plot 8000.00 euro gjaku i nje viti te tere pune burre dhe grua.

Shkon ne polici dhe karabinieri per te denoncuar dhe pergjigjae tyre e dini cila ishte te nderuar lexues?????

Jo vetem qe nuk erdhen te hetojne per ngjarjen por i thane te dyja palet te njejten fjale.....PERSE MBAN PARA NE SHTEPI?

I vjedhin 40 euro nje qytetareje italiane TE MOSHUAR QE ESHTE PER TE ARDHUR KEQ, nga nje i refugjat, policia JO VETEM QE E GJETI MENJEHERE por sipas shtypit rrezikonte nga 4 deri ne 7 vjet.

Te dashur lexues dua nje pergjigje prej jush nese keni kurajo vertete qytetare dhe demokratike::::

Keto veprime jane akte raciste te mbeshtetura nga persona te mbuluar ma pushtet apo jo?

A mund te lejojme qe zoti qepi te kalbet ne burg pa bere asnje faj?

Sigurisht qe jo.

Protestat tona do te drejtohen para prokurorise dhe para burgut ku mbahet i pafajshmi nexhi qepi deri sa zoti nexhip te kthehet prane familjes dhe te pergjigjen para ligjit kush e krijoj kete padrejtesi.

Ashpersise do ti pergjigjemi me ashpersi ne qoftese drejtesia nuk vihet ne vend.


fanti : da profili facebook.

Gerry Scotti in Albania


Gerry Scotti ospite del nuovo programma televisivo in albania a Chi vuol essere milionario albanese ossia (Kush do të bëhet Milioner?) condotto da Agron LLakaj . Agron Llakaj è un comico e presentatore albanese . Alla partenza del nuovo programma ha voluto ospitare Gery Scotti.
Altri presetantori italiani che sono stati in Albania di recente :Bruno Vespa (2 volte), Pippo Baudo, Fabrizio Corona ,Luciano Benetton ,Enrico Mentana e tanti altri.

Un regalo di fine anno? Regalatevi "Viaggio in Arberia" !!


Se devi fare un regalo oppure se devi farti un regalo per le feste di natale regalati una guida indimenticabile "Viaggio in Arberia" una guida di 328 pagine tutte a colori con centinaia di foto + dvd.

Per avere questa bellissima guida
www.viaggioinarberia.altervista.org
celestinomargherita@libero.it








Una prima parte generale presenta l’Arbëria in ogni suo aspetto: storico, culturale, religioso, artistico, gastronomico, ecc.

17 Itinerari turistici che vanno da Palermo a Pescara comprendenti tutti i paesi arbëreshë d’Italia.

Ogni itinerario raggruppa paesi arbëreshë vicini fra di loro e conduce piacevolmente attraverso la loro conoscenza .
Per ogni itinerario viene fornita una scheda di consultazione semplificata con le notizie inerenti i posti d’interesse artistico e monumentale di ogni paese e, inoltre, una proposta di percorso ecologico.

I paesi vengono presentati singolarmente; per ognuno di essi si fornisce una scheda iniziale con i riferimenti storici (anno del censimento di riferimento, numero dei fuochi, numero di famiglie, nomi delle prime famiglie, uomini illustri ecc), e le notizie attuali più utili (superficie, abitanti, rito religioso professato, lingua parlata, feste religiose, feste folkloristiche, prodotti tipici, attività preminenti, numeri telefonici, ecc).

Ad ogni paese vien, inoltre data la massima visibilità (dalle tre alle sei pagine) attraverso una presentazione semplice e distensiva e poi...tante foto a colori.


Alla fine del libro un’appendice curata dal Dott. Francesco Bruno, Consulente aziendale, presenta numerose tabelle che forniscono dati interessanti sulle popolazioni coinvolte: sesso, età media, ecc.


La veste grafica, ideata e curata dalla stessa autrice, è concepita per rendere facilmente fruibili gli itinerari: Ad ogni Regione è, infatti, attribuito un colore il quale fa anche da sfondo a tutte le pagine dei rispettivi itinerari.

visita il sito www.viaggioinarberia.altervista.org

Antoniette Nikprelaj un'altra albanese all'Hollywood

Antonieta Nikprelaj(Antoniette Nikprelaj),è un attrice holiwoodiana 24 anne molto conosciuta non solo per la sua bellezza ma anche per la sua bravura. Molto richiesta da diversi registi di Hollywood. Con la sua bellezza mozzafiato e mediterranea è la nuaova sirena nel film "Pirati dei Caraibi 4: Oltre i Confini del Mare " con questo ruolo speciale della sirena del maresfida il personaggio principale di questo film, il capitano Jack Sparrow interpretato da Johnny Depp.






O mirë se na erdhe - Benvenuto

O mirë se na erdhe - Benvenuto

Erdha nga qyteti, ne fshat te jetoj
vellezer e ju motera me ju te punoj
O mire se na erdhe o mire se ju gjeta
ketu midis malesh ka lulezuar jeta
O lunga vita fratello mio! Gjithmone jemi bashk me ju!
Te gjithe jemi Arberesh!



Dhëndurët e Arbërit - Një ditë u ndodha (musica Arbereshe)

Kenge Arbereshe

Albanese alla guida del consiglio comunale di Lohfelden (Germania)

Il 46 -enne albanese Fatmir Alili, emigrato in Germania, è entrato sempre di più nel cuore dei tedeschi. Alla riunione del consiglio comunale della città Lohfelden in Germania, è stato eletto alla presidenza di questo Consiglio. Secondo il portale web "XXL Nachrichten", ha sostituito Jose-Marie Kuhn. Fatmir Alili, tra le altre cose, si è impegnato a rafforzare la cooperazione tra stranieri e tedeschi per il bene della Germania e per il bene dei tedeschi e degli immigrati che sono diventati tedeschi.La sua priorità sarebbe quella di collaborare con le scuole locali.

La muraglia piu' antica del mondo nella terra dei Pelasgi


La muraglia piu' antica del mondo nella terra dei Pelasgi
Secondo studiosi di albanologia tutta l'area balcanica e compresa la Grecia Odierna sono state terra dei pelasgi . I discendenti degli Pelasgi furono gli illiri e poi gli albanesi.


Una muraglia di 23.000 anni fa, la piu' antica del mondo, e' stata scoperta nell'attuale Grecia: secondo gli archeologi, sarebbe stata costruita durante il Paleolitico per difendersi dall'intenso freddo. I resti del muro in pietra sono stati ritrovati all'ingresso della grotta Teopetra.

Si tratta della muraglia piu' antica mai rinvenuta .La muraglia misura 24 per 30 metri con un ingresso a forma ovale.
Durante gli scavi e le ricerche nella grotta Teopetra, l'equipe diretta da Kiparisi ha rinvenuto anche numerosi semi di mais e fagioli. Sulla base di questa scoperta, gli archeologi greci hanno ipotizzato che oltre 20.000 anni fa l'uomo locale sapesse gia' coltivare la terra.

sulla scoperta della muraglia trovate anche un articolo qui
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cultura/?id=3.1.166591637

Intanto molti studiosi di storia rimangono sconvolti dalle affermazioni di storici greci i quali ritengono che la lingua parlata ad atene fino al 1800 era la lingua albanese.

Ma da chi era composta questa maggioranza non greca che spesso passava inosservata agli stessi occidentali che avrebbero fatto della Grecia uno stato?

George Finlay, uno degli storici più devoti tra i filo-ellenici, tanto da partecipare con le armi alla rivoluzione Greca del 1821, ci dà una panoramica degli Albanesi abitanti in quel luogo che più tardi venne chiamato Grecia: Maratona, Platea, Leuctra, Salamina, Mantinea, Ira e Olimpia, sono ora popolate dagli Albanesi e non dai Greci. Addirittura, nelle strade di Atene, che per di più di un quarto di secolo è stata la capitale del regno Greco, la lingua albanese si sente ancora parlare fra i bambini che giocano per strada vicino al tempio di Teseo (Storia della rivoluzione greca 1861).

Anche il francese Pouqueville mette in risalto i “colori” albanesi della maggioranza della popolazione nelle più grandi città della Grecia di quel tempo. Edmond About nel 1855 scrive: Atene venticinque anni fa era soltanto un villaggio albanese. Gli Albanesi costituivano ed ancora costituiscono quasi tutta la popolazione dell’Attica; e dentro le tre categorie del capoluogo si trovano paesi dove la lingua greca non viene capita.

Elfiso, quasi a meta strada tra Megara e Atene, è un povero villaggio albanese… scrive Henry A. Dearborn nel 1819. In poche parole, stando alle descrizioni di G. Finlay e di altri autori, gli Albanesi popolavano tutta l’Attica e la Messenia, la maggior parte della Beozia, tutta l’isola di Salamina, Corinto, l’Argolide e altre regioni interne della Morea (Peloponneso).

Mamma albanese salvò i suoi 3 figli , ma perde la vita

Albanese sfido' le fiamme per portare fuori i suoi bambini.

Il 9 novembre una mamma albanese, Blerina Meco , residente in Sicilia a Licodia Eubea(Catania) si è trovava in casa circondata dalle fiamme. Assiema a lei c'erano i suoi 3 figli . Con tanto coraggio sfidando il fuoco la mamma albanese di 37 anni salvò i suoi bambini portandoli fuori dall'abitazione in fiamme.
Suo marito al momento dell'accaduto era al lavoro.





Le ustioni al corpo erano profonde e dopo aver lottato un mese oggi la "Mamma coraggiosa" è' morta nel centro grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro di Catania.La mamma coraggio salvò i suoi tre figli: una ragazza disabile di 12 anni, un bambino di 5 anni e una neonata di 20 giorni.
La mamma ha salvato prima i figli piu grandi e in seguito ha salvato il neonato.

Una storia dolorosa .

Ciao "mamma coraggio" !!!

2 adolescenti albanesi scrivono al presidente Napolitano


Caro presidente!
Siamo due sorelle, che viviamo da molti anni in Italia insieme con la nostra famiglia. In questa lettera LE vogliamo raccontare la nostra storia o meglio “la tragedia della nostra famiglia. Verso la fine di giugno nell’ asil...o del nostro fratello durante una feste, mentre i bambini si raccontavano gli scherzi che facevano con i genitori, anche il nostro fratello ha raccontato uno scherzo, che subito dopo è stato provocato dalle maestre con un cucchiaio. Dopo questa provocazione hanno denunciato nostro padre con la grave accusa di pedofilia, senza prima chiarire con i nostri genitori lo scherzo che aveva raccontato nostro fratello. Con questa denuncia sono state installate in casa nostra due microspie con audio e filmati, una in camera dei nostri genitori dentro la t.v. ed una nel bagno sotto la doccia, che riprendeva tutto il bagno. Non eravamo controllati solo dentro casa, ma anche fuori con una telecamera di fronte al palazzo. Dopo une mese di indagini, il 03 agosto, un giorno come tanti altri il nostro padre, si era alzato alle quattro del mattino per andare al lavoro. Finito il lavoro, mentre scendeva dall’ auto del datore di lavoro, viene subito arrestato , come se non gli bastasse la stanchezza della giornata in mezzo a tutto quel caldo e senza aver mangiato. E’ da quattro mesi e mezzo, che nostro padre si trova in carcere per tre sequenze di un totale di 20 secondi , che ha coccolato suo figlio ; in queste riprese è stato tolto volutamente l’ audio.
Una grande vergogna signor Presidente, pensare di essere viste un mese intero dalle telecamere, soprattutto in bagno ; cosa possiamo dire?! Noi due che ci hanno visto della nostra vita privata?! Questa è una ingiustizia; condannare un padre per aver mostrato affetto al proprio figlio. Noi conosciamo meglio di tutti il nostro padre, un padre che ha sacrificato tutta la sua vita a farci crescere nel migliore dei modi senza mai farci mancare niente. Se nostro padre non fosse stato un bravo padre, saremmo state noi le prime a denunciarlo.
Dal 03 agosto non vediamo nostro papa’ ; non sappiamo piu’ sorridere, ma piangiamo circondate dal dolore, con la speranza che aprendo la porta di casa rivediamo nostro padre che ci riporti felicita’ di nuovo nei nostri cuori. Perché non si è felici mettersi a tavola con le lacrime agli occhi e vedere quella sedia vuota e spiegare al nostro fratello, ad un bambino cosi’ piccolo per dove si trovi suo padre; chiede sempre, ogni secondo che passa , dove si trova, perche’ non torna a casa, gli telefona, ma il cellulare risulta spento, aspetta di festeggiare il natale con lui, che gli manca molto,dorme con la sua maglia e la sua foto, noi gli abbiamo detto che è al lavoro, ma che lavora molto lontano. Come se il dolore non bastasse, ci obbligano a parlare con i psicologi, ma noi non abbiamo bisogno di psicologi, ma del nostro caro papa’. Non riusciamo a capire come possa confrontarsi un bambino di soli quattro anni davanti ad un giudice. E’ da quattro mesi e mezzo che cerchiamo giustizia, ma giustizia non cè. Soprattutto quando anche il Tribunale di Riesame di Bologna ha annullato i filmati come illegittimi. Perche’ signor Presidente, nostro padre resta ancora in carcere?! Ogni giorno che passa la signora Maria Rita Pantani inventa cose assurde, per quale motivo?! Per sotterrare una famiglia distrutta, perche’ è questa che vuole. Ma noi non ci fermeremo e daremo la vita per nostro padre. Scrivendo a Lei questa lettera signor Presidente,
CHIEDIAMO LA SCARCERAZIONE IMMEDIATA, PERCHE’ NOSTRO PADRE E’ INNOCENTE, CI MANCA TANTO ; LE FESTE SI STANNO AVVICINANDO E NOI VORREMMO FESTEGGIARE CON LUI COME TUTTE LE ALTRE FAMIGLIE CON UNA GRANDE FELICITA’ CHE E’ QUELLA CHE CI MANCA. LA FIDUCIA E LA SPERANZA E’ RIMASTA SOLO IN LEI, PERCHE’ NON VEDIAMO NOSTRO PADRE DA PIU’ DI QUATTRO MESI.
Speriamo in una risposta il piu’ presto possibile da parte SUA per giustizia ad una famiglia ed una verita’ che fin ora sono state nascoste. Speriamo, che questa lettera finisca nelle SUE mani. Con grande rispetto.

Cordiali saluti dalle sorelle : PAVLINA (17 anni) e REDIONA (15 anni) . Reggio Emilia, 17.12.2010.
fonte http://made-in-albania.blogspot.com/2010/12/albanesi-scrivono-al-capo-dello-stato.html

Gli albanesi scrivono a Napolitano


Intanto, non si placa la protesta della comunità albanese per il connazionale in carcere perché accusato di pedofilia nei confronti del figlio. L’associazione Iliria ha scritto una lettera a presidente della Repubblica, Ministro della Giustizia e presidente del Tribunale. «La nostra posizione sull’innocenza del nostro connazionale rimane inviariata e continueremo a chiedere giustizia. La situazione psicologica della moglie e dei tre figli si è aggravata. Si chiede di attivare meccanismi nel pieno rispetto della legge per unire il padre alla famiglia per le feste nella convinzione assoluta che nessuno di noi vuole difendere uno che abusa dei suoi figli». Ieri a Roma c’è stata una nuova manifestazione. La comunità annuncia che la vigilia di Natale farà volantinaggio sotto all’albero di piazza Prampolini e pensa di occupare pacificamente l’ambascata albanese.

Proteste davanti all'ambasciata italiana a Tirana - Nexhip Qepi è vittima di razzismo


Le associazioni albanesi in Italia si sono recate a Tirana davanti all'ambasciata italiana per unirsi alle proteste organizzate dalle altre associazioni albanesi a Tirana per chiedere la liberazione di Nexhip Qepi , finito in carcere il 3 agosto 2010 a Reggio Emilia . Gli albanesi in Italia e Albania dopo aver visionato i filmati fatti dai carabinieri di Reggio Emilia non hanno dubbi "su quei filmati non c'è nessun reato" tra l'altro - sottolineano - che i filmati fatti dai Carabinieri dentro l'abitazione di Nexhip Qepi sono illeciti e anche secondo il Tribunale di Bologna sono stati compiuti gravi illeciti che vanno contro il codice penale della Repubblica Italiana , mettere le telecamere per 2 mesi nella casa di Nexhip Qepi.


Video Proteste a Tirana davanti all'ambasciata italiana.




http://made-in-albania.blogspot.com/

Confronto ebraico - albanese

La maggior parte degli studiosi non mettono in dubbio che l’ebraico sia la lingua più antica. Inoltre si sa dalla storia sacra che prima della costruzione della Torre di Babele tutti gli uomini parlavano una stessa lingua, e che poi, dopo la confusione, si crearono vari e diversi linguaggi: molti ve ne sono affini all’ebraico, e specialmente quelli di Nazioni più vicine a Babilonia, da cui derivarono tutti gl’idiomi. Tali sono la lingua caldaica, l’arabica, la siriaca e l’etiopica. L’albanese, paragonato nella sua purezza all’ebraico, assomiglia talmente al caldaico che le parole sul muro contro Baldassarre re dei Caldei, ed interpretate da Daniele: “farsin u techel mene mene”, suonano come fossero albanesi, e quelle che più si avvicinano nel senso sono: manë manë = misurarono, misurarono, ti chel = tu porti, fare = niente. Ed in effetti si potrebbe credere che queste parole siano proprio albanesi, o dell’antichissima lingua dell’Epiro, che Daniele, unico esperto in quel linguaggio, interpretò, mentre i Savi del Regno caldaico non poterono intenderlo affatto.

Ma per far vedere più dettagliatamente il genio di questa lingua originaria dell’Epiro, corta, monosillabica e vibrata in modo tale che pare esprima solo suoni piuttosto che parole, mi piace di aggiungere qui poche righe di traduzione dell’inizio del cap. 3° del Cantico dei Cantici, là dove la sposa si lagna, perché passò la notte cercando l’oggetto dei suoi amori e non lo trovò. Intendo fare questo raffronto perché, siccome la lingua ebraica esprime concetti complessi con poche parole, meglio e più chiaramente si veda come la lingua albanese, emulando l’ebraico anche se in poche voci, forse addirittura con meno termini dell’ebraico riesce ad esprimere un maggior numero di concetti, tanto che potremmo metterla nel novero delle lingue naturali.

Bikascti balleloth miscchabi Hal

Bikascthiu: naphsci sceaaba eth

Na akuma: metzathiu lo ve

…. bahir asobeba va

Me strat tim në nat chercova atë

Ghi dò zëmëra ime: e chercova

as ghieta: ‘nciume nanì ‘mbë kambë,

e vete për në Giutet et ce.

Se qualcuno volesse prendersi la pena di contare le sillabe dell’una e dell’altra scrittura, ne troverebbe meno nell’albanese, che nella ebraica, calcolando nella prima le mute. Ma per mostrare ancora di più l’indole primordiale della lingua di cui trattiamo, ottimo consiglio mi sembra di proseguire il paragone con l’ebraica. Una lingua si può paragonare ad un’altra o nella concisione, o nel suono, o nelle parole stesse, o nella sintassi. Confrontando il suono delle vocali, sarà buona cosa esaminare le vocali dell’una e dell’altra lingua che abbiamo deciso di confrontare. Le vocali in sostanza sono cinque: a, e, i, o, u. ma siccome si possono pronunciare con un suono o largo o stretto e per di più sono soggette ad una tale gradazione che dal più stretto si passi al suono più largo, cosi, quantunque siano cinque, possono crescere a tante quante l’uso di un linguaggio avrà voluto. La lingua ebraica ha tredici vocali, vale a dire che le cinque vocali fondamentali diventano tredici a secondo del suono ora più largo, ed ora più stretto che s’impiega nel pronunziarle. E perché non si dica che la divisione delle vocali ebraiche in tredici sia un espediente masoretico, introdotto con la punteggiatura, faccio presente che i punti non furono altro che dei contrassegni, che mantenessero più distinto il suono delle vocali, il quale correva pericolo di perdersi, mentre la lingua cominciava a declinare. Da questo assunto possiamo concludere che le tredici vocali siano proprie della lingua ebraica e dire che gli Ebrei, tra strette, larghe, e larghissime, oltre alle mute, dividevano i cinque suoni della voce in tredici tra toni e semitoni, se mi è lecito usare tali vocaboli mutuati dalla musica. Nella lingua albanese le vocali variano in modo che, dalle cinque originarie, diventano molte di più a seconda dei suoni. Eccone gli esempi: in amë (madre) la a non è aperta, ma contiene un suono tra a ed e aemë,amë, ëme; in atà (quelli), le due a sono larghe; in baame (azioni) sono aperte, ma si avvicinano alla e muta; in ati ( padre), la a deve essere pronunziata rapidamente; in ar (oro) la a si dovrà pronunciare diversamente che in ar (noce), e in ar (lavoro, biada). Ar (oro) si pronunzia più rapidamente che ar (noce), in cui, al contrario, la a deve essere pronunciata prolungandola alquanto, raddoppiando la r, e in ar (biada) deve essere pronunziata quasi are.

E in e para, e mira (la prima, la buona) ha un suono naturale: in gurete (le pietre), si avvicina ad una lettera muta. In grue (donna), zonje (signora), somiglia quasi alla a; infatti alcuni pronunziano grua (donna), zonja (signora).

E di hem, come hem Pietri, hem Pali (e Pietro, e Paolo), è stretta.

I si pronunzia lunga come se fosse accentata in alcuni nomi di famiglie, come in Vladagni Zumi, e in sctpi che si dice anche scpì (casa).

I in ti (tu) è larghissima, tanto che, nella pronuncia di alcuni, sembra che suoni ijë, ti (tu). Lo stesso è in ieta (la vita) che si pronunzia anche jeta (la vita).

O in more è larga, come è in dò, particella disgiuntiva, do ti, do ai (o tu, o quello, vuoi tu, vuol quello). In croi (la fonte) ha un suono naturale, in jo (no), ha un suono largo.

U in u (io) è rapida, come in ju (voi): in u che serve per l’intransitivo, che si declina con le regole e coi tempi dal passivo, è vocale stretta, anzi strettissima, per esempio me u ‘mreculuem (meravigliarsi), me u dasciume (essere amato); e di fatto alcuni lo pronunziano come se fosse muta dicendo me të ‘mreculuem, me të dasciume. Alcune volte ha un suono naturale come Turk (Turco).

Tratto dal libro Memoria sulla lingua albanese dell’autore Giuseppe Crispi

fonte : http://eltonvarfi.blogspot.com/2010/08/confronto-ebraico-albanese.html

Voli da Pisa e Bergamo per Albania con Albanian Airlines


Nuovi voli per Pisa e Bergamo dall’Albania con la compagnia Albanian Airlines.

Dal 1° dicembre è operativo il collegamento Tirana - Pisa, operato 2 volte la settimana, con partenze da Pisa programmate alle 11:30 di lunedì e alle 11 di sabato.

Il collegamento con Orio al Serio sarà invece operativo dal 14 dicembre, questa volta con 3 voli settimanali, che partono dalla Lombardia alle 11:15 il lunedì e il giovedì, ed alle 21:45 il sabato.

www.albanianair.com

Himara una perla dell'Albania

Il nome Himare deriva da un animale mitologico che è stato ucciso da Velerefonti. In seguito il nome fu cambiato da Himera in Himare. Nel tardo bizantino suo nome era scritto in greco, dopo essere stato erroneamente considerata che l'etimologia del nome derivava dalla parola greca del "fiume".


L'espressione antica di Himara viene espressa nel suo antico castello dove si trovano elementi che dimostrano la sua antichità di 3000 anni . Himara faceva sivuramente parte delle Tribu illire. In alcune parti il muro è costruito da sassi giganti , questa parte del muro del castello è la piu antica.Questi muri di pietre giganti realizzati ed elaborati con particolare cura nella forma quadrangolare, appartengono al secondo millennio a C.
A Himara ci sono anche minoranze greche e quindi è usuale sentire parlare la lingua greca.

Himara è conosciuta in tutto il mondo per le sue spiagge bellissime.

Alluvione a Scutari - Una catastrofe naturale

In questi giorni il Nord dell'Albania e sopratutto a Scutari ci sono delle inondazioni a causa del maltempo in quanto per giorni ha piovuto ininterrotamente e intensamente.

Molti villaggi sono stati evacuati e il governo è stato costretto a dichiarare lo stato di calamità naturale e far avviare le evacuazioni.




In questo video ,girato dagli abitanti del posto ,si vedono le persone che sono cotrette a usare persino le barche per spostarsi, ma nonostante questa catastrofe la gente non perde il sorriso e la vita continua.
In alcuni punti della stranda possono circolare solo camion e fuoristrada .L'elettricità e l'acqua in molte parti e sopratutto nei villaggi sono interrote

Il reporter improvvisato mentre registra commenta incuriosito con gli altri compagni di come le vie di Scutari in questi giorni si siano trasformate come le vie di Venezia durante l'alta marea.

Aksinja Gioia una pianista da record

La pianista Aksinja Gioia Xhoja

Figlia d’Arte, "Enfant Prodige", esegue il suo primo concerto all'età di sei anni.

Ha suonato alla presenza di molti capi di stato quali : Krusciov, Mao Tse Tung, Ciu en Lai, Fidel Castro.

Diplomatasi al Conservatorio col massimo dei voti e laureatasi poi con la lode all'Accademia Superiore, ha partecipato a molti concorsi.

Un premio importante lo ha ottenuto con l'esecuzione del Concerto n° 1 per pianoforte ed orchestra di Tchaikovsky. Ha suonato con l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Tirana, Orchestra sinfonica della Radio Televisione albanese, Orchestra dell’Accademia delle belle Arti di Tirana, Orchestra sinfonica di Durazzo, Orchestra sinfonica di Girocastra.

Viene in Italia nel 1989 su espresso invito del M° Aldo Ciccolini, specializzandosi e presso L'Accademia Internazionale "Mugi" di Roma, L’accademia “Lorenzo Perosi” di Biella e con il M° Olivier Gordon dell’Accademia di Parigi.

Ha eseguito innumerevoli concerti in Italia in Francia in Inghilterra ecc. riscuotendo un enorme successo di critica e di pubblico sia in recital che con varie orchestre.

Ha suonato per la televisione tedesca WDR nello spettacolo di Albano e Romina Power.

Parallelamente, da oltre trent’anni svolge un intensa attività didattica. Attualmente risiede in Italia nella città Brindisi, ha suonato per le reti televisive: B.B.C., R.T.A, Z.D.F, RAI ecc.

Si è esibita in diversi concerti collaborando con l'Unicef, Caritas, Lions e Rotary in favore dei bambini del terzo mondo. E’ stata ospite su Rai International in occasione del "Telefood", organizzata dalla "FAO" in aiuto dei paesi in via di sviluppo.

Ha eseguito concerti presso le Ambasciate estere, fra cui l’Ambasciata Svizzera, Spagna e Turca in Roma alla presenza di esponenti diplomatici di molte nazioni e dell’imprenditoria internazionale.

Ha realizzato vari concerti per la “Diplomatia” e “Donne manager nel mondo”.

Ha suonato alla “West Minister Cathedral”, “St.James“, “St. Paul” e “St Martin in the Fields” in Londra, ed ancora nel Regno Unito alla Wells Cathedral, a Priory di Kent ecc. Ha eseguito tournee in Francia suonando a Angoulemme, a Ile D’Oleron ecc..

Al Todi Europa Festival ha eseguito un concerto nel teatro Concordia a Montecastello di Vibio (Perugia) dedicando a Madre Teresa una sua composizione “A flower of Albania”.

Dopo aver conseguito un enorme successo con il concerto N° 1 di Tchaicovsky con l’orchestra “The virtuosi of London” conduttore Sir. Anthony Goodchild, prosegue la tournee in varie città Europee.

Un video




il sito della pianista Aksinja Gioia www.aksinjagioia.it

Scutari emmergenza innondazioni come nel Veneto

E' emergenza inondazioni nel nord-ovest dell'Albania e principalmente a Scutari a causa del maltempo che si è abbattuto sul paese. La città di Scutari è circondata ormai dall'acqua che ha invaso anche alcuni quartieri. Interi villaggi sono allagati ed il governo è stato costretto a dichiarare lo stato di calamità naturale e far avviare le evacuazioni . La pioggia cade ininterrotta da ormai 10 giorni e dall'altra il deflusso d'acqua dalle tre centrali idriche che si trovano lungo il fiume Drini che attraversa la campagna di Scutari, hanno provocato il suo straripamento, allagando circa 10 mila ettari di terreni.
Le unità della protezione civile ,la polizia el'esercito si trovano nelle zone colpite.
Intanto Oggi il ministro italiano Giancarlo Galan si trova in Albania per una visita riguardante l'agricoltura.
Lo stesso ministro ha sottolineato - siamo vicini al popolo albanese colpito dalle alluvioni.

foto Ansa

Anna Oxa e le origini del padre a Kruja in Albania

Anna Oxa , la cantante pugliese rivive su Rai3 le origini del padre e racconta la sua nascita e infanzia a Bari.

Protagonista del servizio di chiusura di EstOvest andato in onda domenica 29 novembre su Rai3 , ha parlato con Vito Marinelli delle sue origini albanesi. Figlia di un profugo di Kruja, Anna ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza a Bari, dove il padre si era trasferito e aveva conosciuto la madre della popolare cantante.




Rai Est Ovest parla anche di Butrinto
A Butrinto si respira il passato. Fondata – secondo Virgilio – dai troiani in fuga, l’antica città illirica e poi romana, dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità, oggi è il primo parco archeologico e ambientale dell’Albania. Le ultime scoperte a Butrinto, illustrate nel servizio di Pino Bruno, sono state presentate durante la 13^ edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum.


fonte delle immagini e testo http://estovest.blog.rai.it/

Una canzone famosa di Anna Oxa

Foto Albania al naturale

Più letti ultimi 7 giorni

Commenti recenti

Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria.Si distruggono i loro libri, la loro cultura, la loro storia. E qualcun altro scrive loro altri libri, li fornisce di un'altra cultura, inventa per loro un'altra storia. Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che e' stato. E il mondo attorno a lui lo dimentica ancora piu' in fretta. L'Albania ha la storia più antica d'Europa , una storia distorta dagli invasori e che faticosamente sta cercando di ricostruire.